Un bel caminetto da costruire per la nostra casa.

In questo articolo vi illustriamo, a mezzo di immagini assonometriche, la facile costruzione di un Caminetto da interni.

Avevamo già ampiamente illustrato  la realizzazione di un camino in mattoni a facciavista in otto nostri articoli (http://www.coffeenews.it/caminetto-per-sala-o-cucina-realizzazione-1%C2%B0-livello-3) rivedendo i quali potrete prendere atto, passo per passo, delle operazioni murarie da eseguire per una costruzione eseguita a regola d’arte.

In questo nostro ultimo articolo, non ci soffermeremo nei particolari, già ampiamente descritti negli articoli suddetti, ma vogliamo mostrarvi una bella realizzazione da eseguire con materiali diversi, a secondo delle esigenze del committente e della scelta dei materiali che lo stesso eseguirà.

Iniziamo a fare vedere l’immagine del nostro camino ultimato, cappa esclusa, lasciando all’immaginazione del lettore, se eseguirla in pendenza oppure ricavarla perpendicolare al pavimento, oppure ancora realizzarla di forma particolare

   

Osservando l’immagine sottostante, noterete che il camino appare "smontato" nelle sue parti componenti, e che la parte messa in opera, è rappresentata, adesso, dal basamento e da due Piedritti che dovranno sostenete gli architravi, sui quali a loro volta  dovrà essere appoggiata la cappa interna in ferro. e quindi murata la cappa esterna (in tavelle o tavelloni in laterizio) e posizionata sopra la mensola di legno.

Il basamento avrà un frontale in marmo, sagomato come da disegno, con soprastante una soglia di pietra dello stesso tipo da cm 4/5di spessore, oppure a scelta del committente una fila di mattoni a vista, ed ancora sopra, il rivestimento di mattoncini refrattari, delle dimensioni di cm 20x10x3.

Internamente il basamento potrà essere gettato con sacchi di calcestruzzo alleggerito tipo Lecamix Facile della Leca.

I mattoncini dovranno essere incollati alle pareti verticali, con colla tipo H40 della Kerakoll.

I Piedritti formati da 2 colonne di pietra semplicemente smussata agli angoli esterni, saranno uniti alla parete di fondo, tramite una parete in mattoni doppi UNI intonacati e rivestiti internamente con mattoncini refrattari.

Il caminetto viene mostrato in sezione verticale, per cui il piedritto a noi più vicino può costituire un elemento di raccordo fra due pareti laterali poste a maggiore distanza, oppurre essere collegato pure esso alla pare di fondo.

Da osservare inoltre che nella parte centrale del basamento è stata ricavata la buca per la cenere, collegata nella parte anteriore da un vuoto dove verrà alloggiato il cassetto per la cenere.

   

Nella immagine sottostante possiamo vedere che la griglia ed il cassetto della cenere sono stati posizionati al loro posto.

A questo punto sarà indispensabile mettere in opera l’architrave principale che unisce i due Piedritti, e le due architravi laterali, poste in squadra alla prima.

Tali architravi potranno essere realizzate con diversi materiali, quali il profilato di ferro oppure (Preferibile) con un elemento unico in cemento prefabbricato,( fatto realizzare da una ditta che lavora i prefabbricati in cemento: il suo costo dovrebbe essere equiparato ad una mensola di marmo)

   

Adesso osserviamo l’immagine sottostante, nella quale notiamo gli architravi posti in opera e la mensola di legno posata e fermata sugli stessi.

La cappa in ferro che appoggia sugli architravi nella parte bassa e che viene fermata ad un profilato ad U infisso nel muro, deve essere preparata e saldata da un fabbro, oppure acquistata da chi vende i camini prefabbricati.

Poichè il fuoco tenderà a surriscaldare la cappa di ferro, la stessa dovrà essere convenientemente rivestita da pannelli coibenti isolanti al calore e di adeguato spessore.

    

Ritorniamo al disegno iniziale, e spieghiamo al lettore, che il rivestimento esterno della cappa, potrà essere realizzato con tavelle da cm 50/60x25x3, oppure da tavelloni dell’altezza desiderata e della sezione di cm 25×6.

Tali  tavelloni (o tavelle) potranno essere intonacate internamente (Una alla volta, con malta refrattaria, prima di porte in opera), in quanto il calore che si sprigiona nella cappa potrebbe causare, nel tempo, delle lesioncine esterne alla cappa stessa.

E’ una precauzione da prendere per tutti i camini da realizzare.

Come detto inizialmente, non rappresentiamo la cappa esternamente, in quanto la stessa potrà essere rifinita in molti modi, a seconda delle esigenze del committente.

A tale proposito vi invitiamo a rivedere un nostro precedente articolo su tale argomento, indicativo sulle soluzioni da adoperare

O ancora questo (http://www.coffeenews.it/caminetto-con-la-canna-fumaria-interna-allabitazione-come-fare)

   

Ricordiamo ai nostri lettori, che per ogni opera edile indicata in questo articolo, potrà essere ricercata, e trovata, la esatta esecuzione,  usando il pulsante "Cerca" in alto a destra della Home.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.