Un fissaggio pratico per le tegole ed i coppi di un tetto.

Abbiamo scelto da tempo la nostra materia preferita: la muratura, e abbiamo parlato ampiamente dei sistemi di costruzione dei fabbricati  in muratura, seguendo il sistema tradizionale che vede l’uso della malta cementizia , bastarda (cemento e calce) oppure di sola calce (più naturalmente la sabbia come inerte).

Viviamo però in un epoca in continua evoluzione tecnologica, per cui non possiamo ignorare l’avvento di altri materiali che  vengono usati in edilizia, anche perchè il fattore risparmio maggiore è sempre dovuto al costo della  mano d’opera: questo comporta che la ricerca in edilizia, oltre che alla qualità dei materiali, sia costantemente diretta nel velocizzare la stessa mano d’opera

Come noi sappiamo, la copertura di un tetto, con una pendenza normale del 30/33%, da eseguirsi con coppi, tegole e coppi, o embrici di qualsiasi tipo, comporta la muratura a malta delle prime tre file in gronda, poi si lasciano 2 file libere, si mura una ulteriore fila, se ne lasciano libere due , e così via fino al colmo del tetto.

Come abbiamo specificato in tanti nostri articoli, per murare le tegole e i coppi, si usa normalmente la malta di calce, in quanto i laterizi sono soggetti a rompersi, soprattutto a causa del passaggio di operai quali gli antennisti,o personale che deve effettuare la manutenzione, per cui una malta "tenera" favorisce sostituzione dell’embrice.

Difatti con la malta di calce, diventa estremamente facile sostituire un embrice rotto.

Alcuni mesi fa, un nostro lettore ci chiese informazioni circa il bloccaggio dei tegoli e dei coppi con il Tile Bond, un prodotto della Dow, che noi conoscevamo appena: la nostra risposta fu quella di preferire la posa normale con malta di calce.

Con questo articolo, non vogliamo rinunciare a quanto appreso durante l’esperienza di una vita, trascorsa sui cantieri edili; però dobbiamo soffermarci e valutare anche le  proposte innovative che ogni giorno avanzano con la nuova tecnologia e che possono essere semplici ed efficaci.

Abbiamo assistito al montaggio di un tetto in coppi, dove è stato usato  un adesivo poliuretanico in bombola da 750 ml , e il lavoro è senza dubbio riuscito molto bene; la posa è stata veloce ed efficace.

Ma vediamo quessto Tile Bond nella sua confezione:

La confezione di Tile Bond con pistola di erogazione

Il fissaggio, come si può ben vedere nelle due immagini sottostanti, è estremamente facile e basta dare dei punti di adesivo  poliuretanico, con la bomboletta a pistola, in maniera da fissare stabilmente il coppo alla guaina ardesiata (vedi prima immagine a sinistra) e quindi il coppo rovesciato sul primo coppo, in maniera da effettuare un lavoro pulito e rapido.

             CLICCARE SULLE IMMAGINI

Per correttezza, c’è da aggiungere un’altra cosa: con la malta di calce, camminando, per ipotesi per esigenze di manutenzione , è molto facile spostare dei coppi, in quanto la malta di calce, come detto non è tenace, anzi, con il tempo tende a sfarinarsi leggermente.

Quando avviene lo stacco, il coppo tende a scendere verso la gronda, e siamo costretti ad alzarlo dalla parte anteriore, bloccandolo con una scaglia di laterizio.

Spieghiamo meglio quanto detto sopra: una piccola scaglia piana, posta fra l’inizio del coppo superiore e la fine del coppo inferiore, crea attrito e blocca lo scivolamento. Naturalmente, questo, porta via tempo, ed inoltre, rialzando i coppi aumenta la possibilità di nidificazione, sotto gli stessi, degli uccellini.

Con l’adesivo poliuretanico, la presa è più forte, e il distacco non avviene.

Quando dovremo cambiare un embrice rotto, si dovrà "tirarlo via" facendo leva con la cazzuola, quindi andrà ripulito il tutto e fissato nuovamente il nuovo coppo con due punti di Tile Bond: operazione alquanto facile.

Prendiamo perciò atto di questo sistema innovativo ed efficace.

Il lettore che dovrà effettuare delle riparazioni sarà sicuramente interessato a questo prodotto.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

12 commenti

  1. Salve,
    Una domanda al non poco importante:
    Quanto dura nel tempo la schiuma??Dopo quanto tempo perde le caratteristiche?

  2. Per Giorgio.
    E’ scritto sulla confezione e sulla scheda tecnica che potrai trovare via internet.
    Amedeu e c.

  3. buon giorno io ho una copertura di una veranda con pannelli di isolante da 8 cm con sopra la guaina ardesiata come faccio ad coprirlo con pannelli di tegole in pvc si possono attaccare sopra e in che modo grazie

  4. Per Roberto.
    Sulla guaina ardesiata puoi adoperare per i tegoli in cotto la malta, e per quelli in PVC un collante idoneo che troverai presso i magazzini edili della tua zona.
    Amedeu e c.

  5. …..parlando di fissaggio di tegole con la schiuma poliuretanica, vorrei sapere quanto metterne per evitare il gonfiaggio dovuto alla dilatazione della schiuma. E’ meglio a punti ( quanto una noce di schiuma) o stenderne una striscia larga pochi centimetri? Non sono riuscito a trovare una foto soddisfacente che mi chiarisse il problema. Mi scuso per l’insolita e domanda (caratteristiche del prodotto a parte). Grazie e saluti.

    • Per Francesco.
      E’ scritto nell’articolo sotto la foto.
      Devi mettere dei punti, anche perchè la schiuma tende a seccare velocemente, e facendo una fascia non faresti in tempo a stendere le tegole diritte ed in fila perfetta.
      Prova con 3 o 4 tegole e te ne renderai conto.
      Amedeu e c.

  6. Salve,vorrei sapere se la schiuma poliuretanica si può applicare sulla guaina bituminosa liscia per il montaggio delle tegole.

    • Per Antonio.
      E’ sconmsigliabile, in quanto potrebbe non aderire perfettamente.
      Comunque devi sentire una ditta che esegue tali lavori nei cantieri edili.
      Amedeu e c.

  7. come fisso i coppi sopre le onduline? la pendenza è 21gradi

    • Per Francesco.
      Puoi usare il Tile Bond, però ti consigliamo, dato che esegui un lavoro molto particolare e non dici che tipo di onduline trattasi, di attendere che la prima fila “secchi” completamente, per provarla e poi proseguire con le altre file.
      Amedeu e c.

  8. Ciao, sto rifacendo il tetto della depandance, trattasi di tetto in legno con pannelli di accoppiato da 8 cm e tegole portoghesi rosse. sto incollando le tegole con la schiuma tra la tegola e la guaina dell’accoppiato. nella parte “vuota ” delle tegole è necessario riempire con la schiuma o posso “tappare” semplicemente davanti la gronda e in cima al tetto stesso? e successivamente se dovessi camminare sul tetto avrebbe una tenuta efficace? Grazie.

    • Per Roberto.
      La schiuma va posta dove si mette la malta in un normale tetto, quindi si corre lo stesso rischio per entrambi.
      Magari cerca di allargarla sul fronte del portoghese, ma che siano sempre due parti separate.
      Amedeu e c.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


2 + = 4

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>