Un sistema cuci-scuci, contro l’umidità di risalita.

A seguito di richieste reiterate di alcuni nostri lettori, parliamo in questo capitolodi un sistema antiumidità di risalita, effettuato tramite il metodo del "cuci-scuci".

Come avrete modo di vedere dalle immagini che seguono, tale sistema consiste nel tagliare con un idoneo macchinario la muratura attaccata dall’umidità di risalita.

Si adotta il metodo di procedere a tratti : cioè viene tagliata una certa lunghezza, inserito un materiale antiumido e richiuso il taglio con malta idonea antiritiro, dopo di che si passa al tratto successo.

In generale, il sistema del cuci scuci è stato trascurato per il trattamento contro l’umidità di risalita, per una certa titubanza nello sceglierlo per le zone sismiche; ma quello che adesso vi mostriamo, denominato "Umiblok" ha riportato il parere idoneo anche per zone a rischi sismico,  con parere favorevole della prima sezione del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici. (Parere n° 361 del 24 ottobre 1995 e del 19 marzo 1996). E’ stato inoltre Certificato dall’Università La Sapienza di Roma.

Per cui dobbiamo abbandonare ogni eventuale pregiudizio dovesse nascere per tale motivo.

Ma passiamo di seguito a mostrarvi tale sistema prodotto della ditta Umiblok s.r.l di Lugo (RA) (www.umiblok.it)

Nelle due immagini sottostanti vediamo il taglio orizzontale della muratura, che avviene con una macchina idonea; dopo di che viene lavato attentamente detto taglio, asportando tutta la polvere depositata.

          CLICCARE SULLE IMMAGINI

A questo punto viene inserita una lastra di profilato coestruso in miscela PVC "Umiblok"

               CLICCARE SULLE IMMAGINI

Nelle tre immagini che seguono, il lettore può prendere visione dell’iniezione di miscela cementizia a saturazione e ad antiritiro, all’inserimento dei profilati Umiblok, compreso quello d’angolo a chiusura e visibile nella terza ed ultima immagine.

                    CLICCARE SULLE IMMAGINI

Il lavoro è ultimato e i muri sono stati risanati dall’umidità di risalita; si deve però effettuare un ripristino corretto del tutto, in maniera da isolare l’edificio anche in altri possibili "ponti" soggetti al passaggio dell’ umidità.

Vediamo attentamente i quattro disegni che seguono in succcessione, e che danno una idea completa del lavoro da effettuare a regola d’arte.

                   CLICCARE SULLE IMMAGINI

Ma riportiamo di seguito le Caratteristiche Tecniche:

Profilo coestruso con miscela di P.V.C.

Rilievi ad ancora per una perfetta tenuta all’impasto cementizio

Strato centrale, con caratteristiche di flessibilità ed elasticità, atto a dissipare le vibrazioni provenienti dal sottosuolo
 
Giunto di collegamento con rilievi a tenuta tipo guarnizione
 
Giunto di collegamento in zona d’angolo per una perfetta continuita della base impermeabile
 
E per la voce da inserire in un capitolato dovremo adoperare la seguente dizione:
 
"Taglio meccanico alla base della muratura in senso orizzontale a tutto spessore, con idonea attrezzatura, lavaggio interno con getto d’acqua, successivo riempimento del taglio a mezzo i idonea pompa, con malte cementizie additivate con antiritiri, sino a saturazione completa, inserimento progressivo di profilato coestruso in PV.C. della larghezza di cm.11 con rilievi ad ancora, con caratteristiche di elasticità e flessibilità nella zona centrale dello spessore di mm. 4, giunto di collegamento a tenuta tipo guarnizione, elemento di congiunzione in zona d’angolo ad U a tenuta, sistema UMIBLOK S."
 

 Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

 

di Amedeu

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.