Una barriera chimica idonea al trattamento dell’umidità di risalita

Una barriera chimica idonea al trattamento dell’umidità di risalita

Si tratta di un’emulsione cremosa pronta all’uso, super idrofobica, atossica che consente di ottenere una barriera chimica creando uno "scudo" estremamente resistente all’umidità di risalita delle murature.

Il prodotto presentato è adatto all’uso interno ed esterno  ed è denominato Triplezero, della  Volteco SPA di Ponzano Veneto (TV)

Impiego

Si usa nelle murature porose ovvero realizzate in mattoni pieni e/o in sasso, roccia e tufo per abbattere l’umidità di risalita capillare nelle murature mediante iniezione.

Vantaggi

7   6   

– Pronto all’uso e di facile applicazione per iniezione

– Indicato sia per uso interno che esterno

– Protezione idrorepellente efficace e duratura nel tempo

– Inodore e privo di solventi

– Ottimo rapporto qualità/costo dell’intervento

Preparazione e messa in opera

Preparazione delle superfici

1 - 2 1   

È necessario rimuovere tutti gli intonaci esistenti ammalorati fino ad una quota superiore di almeno 50  cm rispetto alla linea di massima risalita evidente.

Nella muratura in mattoni

In mattoni 1   

(1 fila di fori)

Perforare la muratura con fori di diametro 12 mm fino ad una profondità che risulti entro i 5-6 cm dalla faccia opposta, ad una distanza di 12 cm uno dall’altro.

Il sistema più efficace è forare orizzontalmente lungo il corso della malta ad una quota di circa 15-20 cm al di sopra della quota del terreno o della pavimentazione.

Muri in pietra non uniforme

Una barriera chimica idonea al trattamento dell’umidità di risalita 1   

(2 file di fori parallele))

Esecuzione di una doppia fila di fori del diametro di 12 mm per una profondità inferiore di 6 cm allo spessore del muro.

Le due file parallele di fori saranno realizzate ad una distanza tra loro di 8 cm, l’interasse tra i fori di una stessa fila sarà di 12 cm ed i fori delle due file saranno sfasati tra loro di 6 cm in modo tale da ottenere un reticolo d’iniezione a fori alternati.

Muri continui umidi a contatto con altre unità

3-4-5 1   

Dovendo trattare una porzione di muro umido comune a proprietà diverse, che non intendono eseguire il risanamento con Triplezero, si sottolinea la necessità di isolare la porzione di muro trattata mediante la realizzazione di due fasce di iniezione verticali da eseguirsi alle estremità della zona da risanare, sino ad una quota tale da evitare by passaggi di umidità dalle zone adiacenti.

Fondazioni a quote diverse

Qualora vi siano murature continue realizzate su fondazioni impostate a quote diverse, la realizzazione del cordolo iniettato con Triplezero, con funzione di sbarramento alla risalita capillare, dovrà mantenere la stessa distanza rispetto all’andamento del terreno del quale ne dovrà quindi seguire il profilo.

Angolo di edificio

Qualora si intenda trattare solo localmente uno spigolo di muratura (intervento parziale quindi

sconsigliabile) si suggerisce di prolungare il cordolo antirisalita capillare del prodotto, per almeno 1 m lungo ambo i lati della zona da trattare.

Una volta eseguiti i fori, pulire mediante soffiaggio od aspirazione dei residui.

Procedere all’iniezione di Triplezero fino al riempimento a rifiuto del foro.

Il consumo medio di prodotto è di 10 cc/m per ogni cm di spessore della muratura.

Trattamento completo compreso l’intonaco esterno

trattamento completo 1   

Dopo l’iniezione occorre stuccare i fori con malta rapida tipo Spidy 15 (vedere la relativa scheda tecnica Volteco).

Dopo il trattamento contro la risalita capillare, per eliminare gli effetti dannosi dell’asciugatura dei sali, è necessario intonacare le pareti con intonaco antiumidità e antisale tipo Calibro (vedere la relativa scheda tecnica Volteco.

Finitura con rasante tipo X-LIME (vedi relativa scheda tecnica Volteco).

Consumo e resa

Nelle iniezioni il consumo medio di prodotto è di 10 cc/m per ogni cm di spessore della muratura.

Confezione e stoccaggio

Prodotti occorrenti 1   

Fornito in Unipack da 600 cc o in contenitore da 15 kg.

Lo stoccaggio delle confezioni deve essere effettuato in ambienti riparati dal sole e dall’umidità con

temperature non inferiori a +5°C.

Caratteristiche fisiche e tecniche

Aspetto     pasta cremosa di colore bianco

Densità    (+20°C) 0,9 g/cm³

Consumi indicativi

Spessore delle murature Numero unipack per metro lineare

Muro cm 60 1 pz.

Muro cm 50 0,83 pz.

Muro cm 40 0,66 pz.

Muro cm 26 0,43 pz.

Muro cm 13 0,21 pz.

Triplezero: 10 cc/m per ogni cm di spessore della muratura.

Esempio: se si devono impermeabilizzare 8 mt di muratura dello spessore di 40 cm sarà:

(8 m x 0,66 pz.) = 5,28 pz. (6 cartucce/unipack)

* Consumi indicativi, in funzione dello spessore della muratura, di cartucce/unipack di triplezero necessarie per il trattamento di un metro lineare di muratura.

I valori si intendono puramente indicativi in quanto possono variare in maniera, anche consistente, in funzione del supporto.

Sicurezza

Si consiglia l’uso di guanti durante il lavoro.

In caso di contatto accidentale con gli occhi lavare abbondantemente con acqua e consultare un

medico.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

EGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA  MESSA IN PRATICA e su altro ancora

di Amedeu

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.