Come installare un videocitofono

Come installare un  videocitofono può interessare moltissimi nostri lettori, i quali potranno, con un poco di buona volontà applicarsi e realizzare un lavoro, che altrimenti potrebbe costare parecchio denaro.

Come è fatto un videocitofono

Ma vediamo insieme da cosa è composto un videocitofono;  esternamente lato strada:

– da una telecamera esterna, un microfono, un altoparlante e un pulsante di chiamata.

Internamente a ridosso della porta di ingresso principale:

– da un monitor che consente di vedere la persona che sta suonando dall’esterno, più un citofono per parlare e il pulsante di apertura della porta o del cancello esterni.

Posizionamento della pulsantiera e del monitor.

Come installare un videocitofono comporta che sia la pulsantiera esterna che il monitor posto in casa vadano posizionati ad una altezza da terra compresa tra mt 1,50 e mt 1,60.

 

Collegamento elettrico tra pulsantiera e monitor.

 

Il collegamento elettrico tra questi due componenti deve avvenire tramite cavi elettrici fatti passare in corrugati inseriti sotto traccia nel muro.

La traccia può essere eseguita con semplice martello da muratore, in caso di muratura in forati oppure con mazzuolo e scalpello, o ancora con un martellino elettrico per chi lo possiede; un martellino che è possibile acquistare presso i grandi magazzini di bricolage a cifre inferiori ai cento euro.

Prima di passare al collegamento dei cavi elettrici, è necessario ricordarsi di staccare l’interruttore principale della linea ENEL di casa.

La partenza dei cavi elettrici deve avvenire da un punto di fissaggio del trasformatore 230 – 12 Volt e poi proseguire verso il monitor e la pulsantiera.

Il collegamento alla linea elettrica principale andrà eseguito una volta terminato l’intero lavoro.

Due cavi elettrici da mmq 1,5 dovranno collegare, appunto il monitor alla pulsantiera passando all’interno del corrugato sotto traccia.

Il tubo corrugato va fermato all’interno della traccia eseguita, tramite dei chiodi posti a sfioro (Non devono intaccare il corrugato) e da togliersi una volta che lo stesso sarà murato e rifinito esternamente con malta cementizia.

Quindi, ricordiamo che per ben eseguire “Come installare un videocitofono”, gli attrezzi principali da usare sono:

Martello, scalpello, (Oppure martellino elettrico) , cazzuola, sparviere, frattazzo in spugna, malta cementizia, cacciavite cercafase.

VIDEO:

Qualora il corrugato non sia possibile passarlo nella muratura, dovrà essere interrato, ad una profondità non inferiore ai 50 cm per passi pedonali e 85 cm per passi carrabili.

Una volta scelta la posizione per il monitor e la pulsantiera, occorrerà creare nelle murature i fori di alloggiamento delle rispettive scatole di contenimento, da fissare pur esse con il sistema dei corrugati.

Alcuni modelli prevedono il fissaggio del monitor tramite una Dima da bloccare al muro con tasselli ad espansione, fermandoci sopra il monitor a scatto.

Comunque, i lavori di muratura del monitor e della pulsantiera dovranno essere limitati alle scatole di contenimento in plastica, all’interno delle quali dovranno esser portati i terminali dei corrugati.

Quindi una volta effettuato il lavoro murario o posta la Dima, come sopra descritto, seguirà una serie di operazioni semplici indicativamente:

– Collegamento dei cavi alla pulsantiera e al monitor, seguendo attentamente le istruzioni delle case fornitrici.

– Fissaggio del monitor e della pulsantiera alle scatole relative servendosi del cacciavite cerca fase.

– Passare una mano di silicone contro l’umidità, in maniera da sigillare completamente i due componenti rispetto alle murature attigue.

Poichè esistono molti modelli del videocitofono, è sempre opportuno leggere attentamente le istruzioni prima di effettuare i collegamento elettrici e chiudere le apparecchiature.

Prima di fissare eventuali mascherine di rifinitura esterne, si consiglia di effettuare il collegamento del trasformatore a 230 Volt e provare  che il videocitofono funzioni nella maniera giusta.

Compreso naturalmente il campanello, l’apri porta o apri cancello, la serratura elettrica.

Comunque, ripetiamo ancora una volta, che è necessario attenersi sempre e in maniera scrupolosa alle indicazioni contenute nelle confezioni originarie.

di Amedeu

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.