Consolidamento delle fondazioni con resine e pali per eliminare dissesti e lesioni

Molti edifici, e anche quelli costruiti in maniera moderna fin alla seconda metà del secolo scorso, presentano delle crepe o lesioni spesso visibili in facciata, talvolta così larghe da destare preoccupazione per la stabilità dell’edificio stesso.

Questo è da attribuirsi a molti fattori e non per ultimo la mancanza di uno studio geologico del terreno edificabile, analisi richiesta obbligatoria a partire dagli anni ottanta, allorchè i Comuni iniziarono a richiedere, al momento della presentazione dei progetti una relazione geologica del terreno, a firma di un geologo professionista, che doveva eseguire uno studio del terreno, a monte del progetto medesimo.

Da tale studio emerge la necessità di adoperare un tipo di fondazione anziché di un’altra.

Quindi, molti edifici si sono “salvati” dai cedimenti, grazie alla previsione di palificazioni o di platee armate.

A parte ciò rimane l’enorme “arretrato” dei vecchi immobili, costruiti in epoche precedenti e la cui struttura talvolta risulta essere così compromessa da impensierire totalmente il proprietario.

Da circa 50 anni, per ottenere un efficace sistema contro queste lesioni dovute a assestamenti del terreno oppure a terreno non adatto a sopportare un carico di un fabbricato, sono venute in aiuto le resine poliuretaniche, che spinte a pressione sotto le fondazioni degli edifici lesionati hanno portato a ritrovare un assetto quasi normale alla costruzione interessata, facendole ritrovare stabilità e inalterabilità nel tempo.

Le ditte che operano nel campo di tali consolidamenti sono diverse e noi, in questo articolo vogliamo parlarvi della SYStab, con sede in 43122 Parma che accomuna interventi mirati di resine e di pali di rinforzo per risanare un fabbricato lesionato.

Le resine della SYStab, usate dalla ditta fin dal 1999, hanno caratteristiche fisiche e meccaniche accuratamente studiate per ottenere risultati di consolidamento duraturi ed avere un comportamento eccellente nel sottosuolo dove devono svolgere la loro funzione.

Per fermare una o più lesioni o addirittura per riportare l’edificio nelle condizioni primitive vengono usate a secondo dell’intervento da eseguire: resine sintetiche, termoplastiche, bi-componente; con comportamento sostanzialmente elastico entro determinati valori di sforzo, con deformazioni proporzionali agli sforzi.

Non sempre una resina ad alta espansione risulta essere la scelta idonea per un tipo di lesione, così come può non esserlo una ad alta densità, ed è per questo che la SYStab esegue tramite i propri tecnici nonché laboratori appropriati il tipo di resina adatto ad ogni tipo di intervento.

Le resine usate non devono inquinare né essere tossiche ed  i prodotti iniettati devono essere conformi alla normativa vigente in materia ambientale (D.Lgs. 152/2006).

La stessa ditta opera nel campo dei micropali, talvolta applicati da soli, oppure insieme alla resina; la scelta dipende dalle condizioni trovate in loco in quanto il sistema di consolidamento con resine espandenti ha un suo campo di applicazione in cui può garantire risultati definitivi ed affidabili, e spesso può essere migliore di un intervento troppo localizzato con i micropali con conseguente irrigidimento parziale della struttura e successivo cedimento della porzione non consolidata, così come può avvenire con un intervento di soli pali, mal o per nulla collegati alla struttura da consolidare.

Da chiarire che la tecnica di iniezione resine espandenti applicata da SYStab è efficace anche in terreni argillosi, quindi a bassa permeabilità.

Essa è quindi una valida alternativa ai micropali ed alle sottofondazioni in genere, per risolvere i cedimenti differenziali connessi con le variazioni stagionali (effetto spugna) di volume legate al ritiro e rigonfiamento di alcune argille; tipico fenomeno questo di alcune zone perlopiù collinari del territorio italiano, con effetti che tendono ad ampliarsi maggiormente durante il periodo estivo ed al termine di lunghe siccità.

Questo articolo vuole essere semplificativo e non entrare in merito a dettagli tecnico esecutivi che potrete trovare presso il sito www. Systab.it

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi  risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA  MESSA IN PRATICA e su altro ancora

di Amedeu

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.