Consolidare solai in acciaio vecchi o di nuova costruzione usando idonei connettori metallici per il rinforzo strutturale

Ristrutturare edifici di vecchia costruzione con solai in putrelle in acciaio con interposte volticciole di mezzane o pianelle in laterizio, comporta sempre un impegno sia di progettazione che di esecuzione del lavoro, non sempre di facile risoluzione, e tanto vale anche per i nuovi edifici dalle caratteristiche similari; per cui tratteremo come consolidare solai in acciaio vecchi o di nuova costruzione usando idonei connettori metallici per il rinforzo strutturale

Parliamo di sistemi di connessione tra i diversi elementi di un solaio e da attuarsi con particolari connettori della Tecnaria S.P.A. di  Bassano del Grappa che ne ha studiato le caratteristiche fisico tecniche per una idonea applicazione.

Nuovi solai

Spesso risulta vantaggioso realizzare i nuovi solai in struttura mista di acciaio-calcestruzzo per fattori di praticità tecnica ma anche per raggiungere alte prestazioni pur adoperando spessori minimi.

Vediamo di seguito, quale esempio, un’immagine che mostra l’insieme dei componenti di un tipo di nuovo solaio aventi tali caratteristiche.

Travi in acciaio con soprastante lamiera grecata e getto di calcestruzzo della classe minima C 25/30 e con interposta rete elettrosaldata (A secondo delle disposizioni del tecnico progettista dell’opera, si potranno usare anche calcestruzzi alleggeriti tipo il Leca CLS 1800)

Naturalmente i vari elementi strutturali vanno sempre calcolati dal tecnico progettista dell’opera e seguiti dal Direttore dei Lavori.

La connessione tra i vari elementi avviene tramite dei connettori in acciaio della Tecnaria, che  vanno posizionati come da immagine soprastante e fissati alle travi in acciaio servendosi di un’idonea chiodatrice.

Si tratta di una chiodatrice a sparo SPIT P560 che la Tecnaria offre anche a noleggio.

Una volta posizionata l’eventuale lamiera grecata sopra la trave in acciaio sarà sufficiente sparare i chiodi ad elevata resistenza dati a corredo del connettore.

La chiodatrice è uno strumento molto pratico in cantiere.

Altre chiodatrici non possono essere utilizzate.

Il numero dei connettori da fissare è determinato da un calcolo (in media risultano necessari circa 3/5 elementi al mq).

Gli stessi andranno fissati a spaziatura ravvicinata verso i muri e più distanziati al centro della trave.

Solai esistenti in acciaio da consolidare

Solai in travi a doppio T in acciaio sono comuni nei vecchi edifici e la loro realizzazione avveniva normalmente con la messa in opera di putrelle a doppio T ad un interasse di 60/110 cm.

Tra le stesse normalmente venivano realizzate delle volticciole in mezzane o pianelle di cotto; lo spazio soprastante a tale struttura veniva riempito con materiale, spesso di scarto di cantiere, il quale, una volta spianato, costituiva il letto di posa della pavimentazione.

Per consolidare questo tipi di solaio è indispensabile seguire, oggi, anche la normativa anti sismica, per cui adoperando i connettori Tecnaria avremo un tipo di esecuzione compatta e collaborante, come  meglio rappresentato nell’immagine sottostante.

Il progettista dell’opera potrà adoperare, nella combinazione acciaio/Calcestruzzo, anche un cls alleggerito, tipo, per esempio il Leca CLS 1400-1600-1800 e Calcestruzzo CentroStorico della Laterlite.

Il numero, la posizione dei connettori in acciaio e le altre parti del solaio andranno calcolati e fissati come da immagine soprastante.

Il tutto a seguito delle disposizioni e indicazioni del progettista e del direttore lavori dell’opera.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi  risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA  MESSA IN PRATICA e su altro ancora

di Amedeu

2 commenti

  1. BUONASERA VORREI DELLE SPLICITAZIONI IN RIFERIMENTO A “Consolidare solai in acciaio vecchi o di nuova costruzione usando idonei connettori metallici per il rinforzo strutturale” PER MEZZO DI UNA DOCUMENTAZIONE GRAFICA, NON CREDETE CHE POSSA ESSERE UN APPESANTIRE L’ESISTENTE?

    CORTESEMENTE.
    GEOMETRA FRANCESCA GABELLONE.

    • Per Francesca.
      Se hai letto bene l’articolo, noterai che c’è il suggerimento di utilizzare, anche, un calcestruzzo alleggerito tipo il Lecamix Facile o Forte della Leca (1000 Kg al mc contro i circa 2000 di un cls normale).
      Comunque il tutto (Compreso le travature in acciaio e la rete elettrosaldata) va calcolato da un tecnico professionista e tu sei appunto questo.
      Amedeu e c.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.