Mario Zucchelli e Concordia. Le basi scientifiche italiane in Antartide. XXIV spedizione. Anno 2008/2009

Diamo una occhiata a quelle che sono le basi italiane in antartico e come stanno adesso le cose

 

La stazione antartica  Mario Zucchelli, che ha preso il nome colui che per 16 anni è stato alla guida di  questa iniziativa, recentemente scomparso,  ha visto in questi giorni la definitiva messa in opera della grossa gru polare da 25 tonnellate e dello sbraccio massimo di 23 metri, che servirà per rendere più agibile l’attracco  dei mezzi di navigazione in dotazione alla spedizione.

La XXIV spedizione antartica è così iniziata con la riapertura della base stessa.

I settanta partecipanti della XXIV spedizione  che viene aperta in concomitanza con l’altra  Italo- Francese  presso la BaseConcordia, è formata dai migliori tecnici e studiosi italiani.

La Mario  Zucchelli Station,  si trova  sulla costa di Baia Terra Nova  e poggia su una scogliera di roccia granitica di una piccola penisola della Terra Vittoria settentrionale

La stazione italiana ha una superficie coperta di circa 7.500 mq con laboratori, magazzini, impianti,  alloggi e servizi.

Si devono aggiungere a questi i vari  moduli laboratorio dislocati in un’area vasta circa 50.000 mq.

La base ha in dotazione  3 elicotteri e macchinari vari ed in più ha varie piste di decollo ed atterraggio fra le quali una di circa tremila metri di lunghezza, utilizzata per aerei pesanti tipo gli Hercules 130

 L’attività scientifica sarà suddivisa in due fasi,  quella estiva e quella invernale;

l’estiva si svolge dal  27 ottobre 2008 al  6 febbraio 2009

l’invernale dal 7 febbraio al 6 novembre 2009.

La spedizione avrà anche l’importante compito di salvaguardare un patrimonio nazionale , scientifico e infrastrutturale tramite la manutenzione della base.

La Stazione Concordia si trova invece sulla piattaforma antartica nel sito denominato Dome C (75°06′ Sud e 123°23′ Est) ad un’altezza di circa 3.233 m ed a circa 1.200 km dalla Stazione Mario Zucchelli a Baia Terra Nova e a 1.100 km dalla Base francese di Dumont d’Urville.

La Francia e l’Italia, nel 1993, hanno siglato un accordo di cooperazione per la costruzione della Stazione italo-francese Concordia. Nel 2005 (XX Spedizione) si è inaugurata la prima stagione invernale iniziata l’8 febbario e conclusasi l’8 novembre dello stesso anno.

Le necessarie attività, sia per il definitivo completamento della costruzione che per la manutenzione ordinaria, sono possibili grazie alla presenza di un Campo di montaggio, composto da un insieme di alloggi e locali in container e tende speciali. L’area totale è di circa 1.500 mq e fornisce l’alloggio e gli ambienti di lavoro ad una piccola comunità internazionale.

 

Le spedizioni antartiche italiane hanno potuto contare fino ad adesso su un badget di circa 25 milioni di euro l’anno, necessari sia per la tenuta della base, per i suoi miglioramenti , la manutenzione, gli spostamenti dalla madre patria ed infine per quelli in antartite,oltre che per tante altre cose secondarie .Ci sono poi  da considerare le importanti ricerche nel campo scientifico che in questo periodo hanno coinvolto Enti importanti quali il CNR, ENEA ecc.

Per questo anno il badget è stato ridotto a circa 10 milioni di euro, senza una reale prospettiva per il futuro, per cui questa XXIV spedizione si troverà ad effettuare lavori di manutenzione trascurando le mere ricerche scientifiche.

Auguriamoci tutti, da buoni italiani, consapevoli  dei sacrifici fino ad ora compiuti da chi ha lavorato in quelle basi, e del valore immenso (non solo come infrastrutture)  che andrebbe perduto qualora una di esse venisse abbandonata, che in un prossimo futuro i nostri governanti possano rifinanziare le spedizioni a venire, tenendo conto che ciò che viene speso per la ricerca non va mai perduto e ricade in cento modi diversi sulla nazione.Ed in Italia c’è bisogno di ricerca.

E poi ricordiamo che l’Italia nel campo della cultura e della scienza ha sempre forgiato delle menti brillanti.

Vogliamo chiuderci anche questa porta?

Diciamo tutti  NO!

di Amedeu

3 commenti

  1. bel sito! complimenti!!!

  2. Non chiudiamo niente!

  3. Giuseppe!
    Sembri molto sicuro di quello che affermi.
    Dai! Facci stare bene anche noi.
    Cosa sai per essere così sintetico?
    Facci sapere.
    Grazie ciao.
    Amedeu

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.