Un connettore perimetrale antisismico per collegare le murature ai solai in legno nei vecchi edifici

Un problema che si pone in fase di progettazione e di esecuzione per la ristrutturazione di vecchi immobili riguarda la metodologia da usare per creare un blocco murature/solai, in modo da accrescerne la stabilità rendendoli  altresì resistenti agli eventi sismici; per tale motivo vogliamo portarvi a conoscenza di un connettore perimetrale antisismico  per collegare le murature ai solai in legno nei vecchi edifici

Si  tratta di un  Connettore Perimetrale denominato “Centro Storico” prodotto dalla Laterlite via Correggio, 3  – 20149 Milano, del quale daremo una sintetica spiegazione, chiarendo che maggiori chiarimenti potrete trovarli presso il  sito della società produttrice.

Un connettore metallico avente spessore 2,5 mm, di dimensioni 230x62x40 mm, di forma prismatica con base in acciaio zincato e con nervature sulle pareti laterali per poter ospitare barre metalliche longitudinali (necessarie per formare le cerchiature perimetrali) e la rete elettrosaldata.

Una dima integrata consente di eseguire i fori del diametro di 13-16 mm a 45°, rispetto al piano orizzontale, nelle murature perimetrali, in modo da consentire l’inserimento e il fissaggio di un tirante cd. del diametro di 12 mm e della lunghezza di 315 mm

Tale sistema perimetrale è denominato dalla suddetta ditta “Perimetro Forte” ; è brevettato e certificato ed è un innovativo sistema di cerchiatura perimetrale con funzione antisismica.

Il Perimetro Forte è costituito dal Connettore Perimetrale e da un Ancorante Chimico, al fine di ridurre la vulnerabilità dell’edificio con un intervento in grado di salvaguardare la stabilità delle pareti. 

“Campi di impiego

– Adeguamento e miglioramento del comportamento antisismico degli immobili, in particolare degli edifici esistenti in muratura.

– Interventi di cerchiatura perimetrale antisismica, finalizzata a ridistribuire le forze sismiche dal solaio alle pareti riducendo i rischi di collassi locali causati dallo sfilamento dei solai e dal ribaltamento dei muri fuori dal loro piano.

– Interventi finalizzati all’ottenimento del “comportamento scatolare” del fabbricato esistente.

– Interventi di efficace collegamento solaio-pareti, tali da assicurare la continuità strutturale degli elementi portanti dell’edificio.”

Attrezzi da usare

1)- Trapano tassellatore con punta di diametro 16 mm  e lunghezza minima di 315 mm.

2)- Avvitatore dotato di buona coppia (meglio se ad impulsi  con bussola esagonale 19 mm).

3)- Scovolino metallico o aria compressa per pulizia foro.

4)- Pistola” applicatrice (tipo silicone).

Cartuccia ancorante chimico

Da 300 ml

Dati tecnici

Da specificare che la collocazione dei connettori, la loro distanza, il diametro dei ferri perimetrali e quanto altro occorra, sono di competenza dei tecnici progettista e direttore dei lavori, i quali, in caso di necessità potranno richiedere, comunque, l’intervento dell’Assistenza Tecnica della ditta fornitrice dei collettori.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi  risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA  MESSA IN PRATICA e su altro ancora

di Amedeu

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.