Una serie completa di malte, rasanti e pitture per effettuare una rifinitura interna dei locali

Per i nostri lettori, i quali molto spesso ci richiedono quale materiale usare insieme ad altro precedentemente usato, l’indicazione  di una serie completa di malte, rasanti e pitture per effettuare una rifinitura interna dei locali, sia in fase di nuove costruzioni, che di ristrutturazioni.

Normalmente, come sopra specificato, specie per chi Fa da Se, diventa difficile ricercare e trovare l’abbinamento per prodotti di una stessa casa che si possano ben accostare tra di loro per eseguire un lavoro a regola d’arte.

Diventa facile trovare tale soluzione con alcuni materiali della Weber-Saint Gobain, società che presenta in un suo catalogo un gruppo di alcuni prodotti idonei per effettuare un intonaco interno, soprastante rasatura ed infine imbiancatura con una pittura traspirante.

Tali materiali sono raccomandati, in quanto adatti a tale scopo, anche per ambienti soggetti a continui sbalzi di temperatura ed umidità, quale il bagno delle nostre abitazioni.

Ma vediamo più da vicino i materiali dei quali stiamo parlando; faremo una breve descrizione, rimandando particolari ed altre notizie importanti al sito Weber dove troverete la documentazione tecnica esplicativa.

Ma vediamo l’insieme dei manufatti, così come abbinati dalla casa produttrice.

Immagini delle malte intonaci e rasanti da usare:

1) Malte ed intonaci

webermix MP90

Intonaco di sottofondo e malta da elevazione fibrata ad applicazione manuale

weber IP610 extra

Intonaco di sottofondo fibrorinforzato applicabile a macchina a base calce-cemento

2) Rasanti

webercem RS350

Rasante, a finitura civile fine, di colore bianco o grigio, per esterni ed interni

weber RZ

Rasante per interni liscio a base di gesso

3) Pitture per interno

weberdeko active

Idropittura traspirante semilavabile.

In caso di superfici dall’assorbimento irregolare applicare webeprim RA13 o weberprim fondo prima dell’applicazione di weberdeko active.

Tecnica di esecuzione e finitura del lavoro

– Verificare che il supporto sia pulito, stabile ed esente da parti in distacco.

Se il supporto presenta grosse mancanze è possibile riempirle utilizzando una malta fibrata tipo

webermix MP90.

– Una volta inumidito il supporto, applicare l’intonaco weber IP610 extra in uno spessore di 1 – 2 centimetri per mano.

Se necessario prevedere fasce di livello fatte con l’intonaco stesso

– Dopo almeno 4 ore, a prodotto indurito, rabbottare la superficie.

– Attendere minimo 7 giorni per l’applicazione della rasatura (webercem RS350 o weber RZ), inumidendo leggermente il supporto.

L’applicazione del rasante viene fatta in due mani con attesa di circa 60 minuti fra la prima e la seconda

– Rifinire con frattazzo di spugna, inumidendo se necessario, fino ad ottenere una superficie uniforme.

– A completa maturazione della rasatura (minimo 7 giorni), applicare tramite rullo o pennello 2 o più mani di weberdeko active.

L’attesa fra una mano e quella successiva deve essere minimo di 6 ore.

Attenersi scrupolosamente alle indicazioni riportate in scheda tecnica (Scaricabile presso il sito Weber) circa la diluizione di weberdeko active  per interni, resistente a muffe e funghi.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo.

Consultate l’elenco “Categorie” a destra, dove troverete dettagliati tutti i lavori per la costruzione e manutenzione di un edificio.

di Amedeu

Un commento

  1. Buongiorno,
    ho bisogno di un consiglio, visto che ho fatto una parte di lavoro e non avevo letto il vostro articolo.
    Ho una vecchia casa ed ho deciso di dargli una sistemata. I muri sarebbero stati da reintonacare in toto ma non posso spendere le cifre richieste. Per dare comunque una lisciata ai muri irregolari e una certa resistenza, ho deciso di fare una rasatura a stucco rinforzata con la rete porta intonaco fina. Il lavoro non viene male ma siccome volevo tinteggiare le pareti col grassello di calce (vista la sua economicità) mi sono informato purtroppo dopo che la stuccatura (stucco in polvere per interni della Axton) non è compatibile con la tinteggiatura a calce.
    Chiedo se è effettivamente così e magari si può correggere il problema con un primer o altri prodotti, oppure se non ci dovrebbero essere problemi.
    Resto in attesa e vi porgo cordiali saluti.
    Claudio

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.