Dei bellissimi camini realizzati in pietra leccese o del Salento.

 Abbiamo già parlato in un altro capitolo della pietra leccese, delle sue qualità, e principalmente dal suo colore, che riflette il caldo sole del Sud.

Nello stesso articolo vi abbiamo mostrato la stessa pietra, ma adoperata come rivestimento per  interi edifici, ed anche come pavimento per bellissimi piazzali esteri o atrii interni.

Adesso vogliamo mostravi delle opere artistiche, che i laboriosi artigiani che lavorano queste pietre riescono a tirar fuori da esse.

Questa magnifica pietra del Salento è molto resistente, duttile e bella da vedersi nei diversi colori nei quali si presenta.

Fra le opere d’arte, i camini o i rivestimenti per camini, sono certo molto apprezzati.

In particolare alcuni camini, presi a caso fra molti altri, e che meritano di essere ammirati: possono stare bene in sale molto grandi, tipo quello sottostante:

     CLICCARE SULL’IMMAGINE

Il camino che osserviamo nell’immagine sotto, denominato "Quadrifoglio", è molto semplice, lineare e può stare in maniera eccellente in qualsiasi casa moderna

     CLICCARE SULL’IMMAGINE

Quello sottostante è un camino (Saf) più laborioso e certo arricchisce con la sua presenza l’ambiente nel quale viene posizionato.

La ditta che produce queste opere d’arte, in quanto questa e la loro definizione è la PIMAR (www.pietraleccese.com)

      CLICCARE SULL’IMMAGINE

Sotto ancora un camino di pietra dal colore tendente al giallo (Valim), che dà luce , oltre che calore alla casa.

     CLICCARE SULL’IMMAGINE

Infine vi presentiamo un camino (Sipo) con la struttura di pietra nella parte sottostante, e con la cappa realizzata in muratura intonacata e pitturata di bianco

     CLICCARE SULL’IMMAGINE

Insomma uno stile di quell’Italia del Sud che non manca di storia e di bellezze architettoniche a partire dalla Magna Grecia fino a giungere ai giorni nostri.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

2 commenti

  1. Ho acquistato una vecchia abitazione (costruita anno 1934).
    Presso il Comune c’e’ una richiesta di sanatoria per un modesto ampliamento.
    Il Comune e l’Ufficiale Sanitario adesso richiedono la fossa settica per realizzare la quale non c’è spazio.
    Sopra la mia abitazione esiste altro appartamento che dovrebbe avere lo stesso identico problema.
    Cosa fare ? Potreste indicarmi la normativa di riferimento ?
    Grazie. Cordiali saluti.
    Nando

    • Per Nando.
      Ogni Comune ha, o perlomeno dovrebbe avere, un Regolamento degli Scarichi e delle Fognature, regolarmente approvato e consultabile via Internet.
      Devi rintracciarlo e leggere quello che prevede in questi casi.
      Amedeu e c.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.