Predisposizione dei piani di arriccio in un muro con avvallamenti e sporgenze.

Nell’effettuare la ristrutturazione o il restauro di vecchi edifici, molto spesso ci troviamo a dovere affrontare lavori che impongono una riflessione ed una applicazione preventivamente studiata.

Vi mostriamo la superficie di questo muro, che presentava il vecchio  intonaco a malta di calce ingrossato e crepato in vari punti.

Effettuando la demolizione di detto intonaco sono state asportate grosse quantità di materiale di "rimpello" tipo cocci di vecchi pavimenti , pezzi di mezzane in cotto  ed altro, che costituivano uno strato inconsistente che naturalmente è stato necessario togliere, per risanare convenientemente la muratura.

Ma vediamo come si presenta il muro una volta stonacato:

       CLICCARE SULL’IMMAGINE

Come si può notare dalla fotografia soprastante che riprende il muro di profilo, vi sono delle ampie zone avvallate ed altre sporgenti.

Per effettuare un buon lavoro, anche dal punto di vista statico, non dobbiamo riempire gli avvallamenti con malta cementizia e scaglie, ma dobbiamo, per prima cosa, evidenziare le zone dove c’è un cambio di allineamento, e quindi, se non è possibile creare un arriccio lineare per tutta la lunghezza della parete, conviene "spezzarlo" in un punto, in maniera da creare una risega verticale.

Tale risega non guasterà dal punto di vista estetico e nello stesso tempo permetterà di realizzare un arriccio cementizio di non eccessivo spessore.

Ma vediamo la foto sottostante:

       CLICCARE SULL’IMMAGINE

Aprite la soprastante foto e seguite la spiegazione:

Le linee verdi sono le corde; le due orizzontali sono servite a mettere in allineamento i punti fissi 1, 2, 3 (quella alta) e 4, 5, 6 (la corda bassa).

Detti punti fissi (che serviranno a fare successivamente le fasce verticali) sono stati realizzati con una cazzuolata di malta cementizia spianata, o con malta cementizia ed un mattone murato sopra la stessa.

Il punto "3" ha uno spessore di cm 11 circa (vuol dire che in quel punto c’è un avvallamento profondo 11 cm)

L’avvallamento tende a calare nella parte bassa del muro

La curvilinea rossa sta a delimitare il notevole avvallamento posto a destra della stessa (L’avvallamento "A" è indicato anche con il segno –  "meno")

Non è assolutamente pensabile ricorrere ad uno  "scalpellinamento" della muratura, fra l’altro costituita da grossi sassi di pietra viva.

Allora, con la corda verticale (colore verde) abbiamo segnato la linea dove avverrà la risega suddetta, che sarà anche la linea di suddivisione dei due piani che formeranno l’arriccio (a sinistra il più, a destra il meno).

Nella foto sottostante si nota meglio tale suddivisione:

      CLICCARE SULL’IMMAGINE

Seguendo la foto sopra, chiariamo che fino alla linea verde verticale, verrà quindi riportato il piano (verticale) posto a sinistra della risega. Per riempire la zona "A" (Fra curvilinea rossa e corda verde verticale) useremo non scaglie, ma rete tipo Pavitec per pareti fermata con viti , tasselli ad espansione e rondelle. Probabilmente sarà necessario ricorrere a un doppio strato di tale rete (dato il notevole avvallamento posto in alto: 11 cm), fermando la quella superficiale con viti più lunghe.

Le fasce e l’arriccio li  faremo vedere in un futuri articoli al momento opportuno (dopo avere steso e fermato i corrugati elettrici)

Sotto vediamo il cambiamento di allineamento in orizzontale delle pasticche poste in alto del muro.

       CLICCARE SULL’IMMAGINE

Nella foto sottostante a sinistra sono ben stati evidenziati i punti fissi (in rosso) del piano sporgente e quelli (in arancione) del piano rientrante a destra della risega (colore verde verticale). Piano quest’ultimo che naturalmente avrà uno spessore molto  ridotto (normale, di 3 cm circa) , rispetto a quello che avremo avuto creando una linea retta continua.

               CLICCARE SULLE IMMAGINI

Nella seconda foto sopra, vediamo il particolare di differenza di spessore fra le pasticche dei due piani.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

2 commenti

  1. Anzitutto complimenti per il blog, di grande utilità (sopratutto per me che attualmente sono geometra agli inizi).
    Ho letto e seguito tutti i punti del post, solo che non riesco ad avere ben chiaro il risultato finale dell’opera. Magari se possibile integrare l’articolo con qualche foto dilavori già eseguiti.
    Grazie in anticipo!

  2. Per Giak.
    Il sito è molto ricco di articoli e di fotografie ed anche disegni.
    Se vuoi trovare un argomento qualsiasi, per esempio “arriccio”, lo inserisci nel riquadro “cerca” in alto a destra e ti appariranno tutti i titoli degli articoli dove viene trattato questo argomento.
    Comunque stai scrivendo da un articolo relativo alle pasticche e punti fissi, per cui ti rimandiamo al link iniziale di 4 articoli che trattano la materia, dalle pasticche al velo di intonaco:
    http://www.coffeenews.it/arriccio-ed-intonaco-punti-fissi-o-“pasticche”
    Amedeu e c.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.