Ricerca di un argomento

I M P O R T A N T E 

Molti lettori avanzano delle domande relative ad argomenti che noi abbiamo ampiamente affrontato nei nostri numerosi articoli.

Sotto vi indichiamo come trovare facilmente un articolo o un argomento particolare.

Su ogni pagina, in alto a destra, è posizionata la casella di ricerca, un "riquadro" rettangolare con inserita la scritta: Google "Ricerca personalizzata".

Ricerca 1    

Chi cerca per esempio recinzioni con pilastri e cancello, deve semplicemente inserire queste parole  e poi premere "Cerca"

Gli apparirà la schermata di tutti gli articoli relativi alla parola ricercata.

A questo punto non rimane altro che aprire l’articolo che fa per voi.

 

                                                 

                                                                     

27 commenti

  1. Buona sera, il mio problema consiste in questo. Condominio del 2005, due piani oltre al piano terra che abito, mai avuto problemi per 8 anni, di recente ad ogni utilizzo dello scarico wc del 2° piano provoca sobbalzi d’acqua nel mio vaso oltre a gorgoglii e forti rumori nella colonna, mentre l’utilizzo della vasca da bagno sempre del secondo piano provoca iniziali bolle d’aria dal mio wc e successiva fuori uscita di schiuma. Non sembra provocare questi problemi l’utilizzo dell’impianto del primo piano. E’ presente in testa lo sfiato e ispezionato risulta libero, il tratto orizzontale che poi utilizzo anche io dal mio utilizzo scarica senza alcun problema. Un grazie anticipato per l’attenzione.
    Saluti

  2. Buonasera! Gradirei avere un Suo suggerimento riguardo l’accatastamento di un giardino…..
    Sono proprietaria di una villetta a schiera costituita da 2 piani identici, circondata su 3 lati (in quanto è l’ultima villetta) da un piccolo giardino. A suo tempo, l’ingegnere che accatastò il fabbricato, accorpò (di sua iniziativa) il giardino al 1° Piano accatastandolo con Cat. A/10, mentre il 2° Piano fu accatastato con Cat. A/3.
    Questo accorpamento ha determinato per il 1° P. una Rend. Cat. 5 volte maggiore della Rend. Cat. del 2° P. Ora gradirei sapere come si può accatastare il giardino (che ha solo una funzione decorativa) senza accorparlo alle unità abitative, che peraltro sono destinate ad essere affittate entrambe come abitazioni principali.
    Inoltre è possibile considerare il giardino una “pertinenza scoperta”? Grazie mille! Cordialmente. Rosa Maria

    • Per Rosa Maria.
      A/10 sta ad indicare la categoria dedicata agli uffici privati.
      Se nel frattempo vi è stato un cambio di destinazione d’uso (Ad appartamento), devi effettuare la variazione presso il locale Catasto,.
      Di conseguenza ridurranno anche le rendite catastali.
      Amedeu e c.

  3. Buongiorno,
    mi affido ancora per una seconda volta alla vostra conoscenza.
    Abito in una villetta a schiera su tre, più precisamente quella centrale.
    Il mio vicino di casa ha iniziato i lavori di recupero sottotetto nonostante il diniego da parte di noi altri 2 vicini.
    Il problema più grave è che la società costruttrice ha letteralmente buttato giù anche il mio muro, nonostante io non fossi d’accordo e lo ha ricostruito rientrando nella mia proprietà. Tra l’altro la mia canna fumaria è attaccata al nuovo muro che hanno rialzato. Si può ben pensare che hanno manomesso anche questa.
    Per non bastare continuano a lavorare sul mio tetto per poter finire il muro, senza alcun permesso; e qui credo si possa ricadere nella violazione di domicilio. Hanno creato molti danno, tra cui pesanti perdite d’acqua.
    Cosa mi consigliate di fare?
    Devi denunciare questi? Posso bloccare i lavori? ci sono i presupposti?
    Ringrazio vivamente

    Saluti

    • Per Morena.
      Ti consigliamo di chiamare immediatamente un tecnico professionista della tua zona per accertare i danni e le violazioni che ti stanno facendo (Per una risposta in merito al muro sei stata molto vaga).
      Dopo aver cercato di trovare un accordo con il vicino, in caso negativo, devi fargli scrivere da un tuo legale.
      Nel frattempo procurati le foto di ciò che stanno facendo a confine e sul tuo tetto.
      Amedeu e c.

  4. Salve
    nel piazzale, dal quale si accede alla mia e altre proprietà, di circa 70 mq che origina da una via principale sono presenti delle buche sull’asfalto, dovute al tempo e ai fenomeni atmosferici. Volendo sorvolare riguardo al rivolgersi all’Ente gestore e agli altri proprietari limitrofi per aggiustare l’asfalto, vorrei riparare le buche a mie spese utilizzando l’asfalto a freddo. Queste buche rappresenterebbero una difficoltà per il transito veicolare ( ad esempio quando si finisce nelle buche con i pneumatici). La mia domanda è : se aggiusto queste buche potrei incorrere in responsabilità civile o altro ? vale a dire posso farlo senza problemi oppure ?

    • Per Frank.
      Bella domanda!
      In effetti quando una qualsiasi persona tenta di agire per il meglio, rimediando a problematiche che dovrebbero competere a più persone, finisce talvolta, che, magari, a causa di un incidente o caduta di altri, la persona che ha inteso sistemare il tutto, finisca poi con l’essere accusata di essere responsabile di lavori mal eseguiti.
      Ti consigliamo di coinvolgere, magari solo per visionare il lavoro che vuoi eseguire, tutti gli altri proprietari interessati.
      Se poi c’è di mezzo un Ente pubblico proprietario della strada e con i suoi tecnici, prima di muoverti, vai a sollecitare il loro intervento, ed ascolta ciò che ti risponderanno.
      Complicato, ma necessario.
      Amedeu e c.

  5. Sa!ve, ho acquistato una mansarda sei mesi fa. Nonostante abbia piovuto spesso , non era successo nulla fino a due giorni fa che , durante un forte temporale , ho avuto forti infiltrazioni d’acqua dalla parte pendente del tetto . Ho parlato con l’amministratore il quale mi riferisce che secondo lui e i condomini le cose stanno così: il tetto e’ stato costruito senza tavolare e impermeabilizzazione adatto a soffitte e non abitazioni. All’ultimo piano ci sono 5 locali di cui tre adibiti ad abitazione gli altri due sono soffitte. Sono stata al Tavolare il quale mi conferma che la mia mansarda e ‘ registrata regolarmente con tutte le modifiche e che il tetto e’ proprieta’ comune anche dopo la modifica. l’amministratore sostiene che il tetto e’ stato manomesso per fare i velux . Ho parlato con l’ex proprietario il quale mi ha detto che l’isolazione e’ stata fatta solo dall’ interno con lana di vetro e polistirolo infatti la mansarda e’ molto confortevole calda d’inverno e fresca d’estate anche perché i soffitti sono alti 3 m. e sopra, con una scala retrattile , si raggiunge il sottotetto che uso come ripoistiglio. Vorrei sapere come si può risolvere il problema infiltrazioni e chi deve pagare le spese visto che al catasto risulta parte comune anche dopo la modifica. E poi una domanda….ma si possono tollerare le infiltrazioni nelle soffitte oppure e’ giusto riparare il tetto anche per una soffitta? La ringrazio infinitamente e saluto cordialmente graziella merendino

    • Per Graziella.
      Le infiltrazioni che provengono da un tetto vanno immediatamente riparate, in quanto con il passare del tempo possono creare danni maggiori.
      Per cui parla con l’amministratore ed invitalo a fare riparare detta copertura, sempre ammesso che non siano stati fatti lavori dal venditore della tua mansarda; il che vorrebbe poter dire che il condominio può attribuire a costui, e quindi a te, i danni provenienti dalla copertura (Se le infiltrazioni provengono da dove sono stati eseguiti detti lavori).
      Ti converrebbe contattare il venditore e farti spiegare attentamente la situazione esistente.
      Dopo di che potrai decidere il da farsi.
      Amedeu e c.

      • Grazie per avermi risposto subito, ma non mi è ancora chiaro se questo tetto senza tavolato è regolare per una soffitta e non per una abitazione . Dalla Sua risposta comprendo che il tetto deve essere riparato in tutti i casi, ma se e’ privo di tavolato e impermeabilizzazione come si può’ comprendere quale e’ la causa. Le infiltrazioni non vengono dai velux e gli interventi fatti al tetto sono solo interni con la protezione (polistirolo e lana di. O vetro) e le perline…..chi può affermare che i lavori sono stati fatti male? Devo fare una perizia da un carpentiere ? Ringrazio ancora per la Sua disponibilità Gràziella

        • Per Graziella.
          Non possiamo dare una risposta precisa senza eseguire un sopralluogo, e questo non è possibile.
          Contatta un tecnico professionista della tua zona, il quale, dopo il dovuto sopralluogo, ti darà le informazioni esatte che desideri.
          Amedeu e c.

  6. uno stabile con due appartamenti e la mansarda è considerato un condominio?

    • Per Anna Maria.
      Pur vivendo in condominio, e quindi avendo tutte i diritti ed i doveri delle cose comuni (Tetto, muri portanti, fondazioni, facciate, scale comuni, ecc) e della relativa ripartizione delle spese occorrenti, non avete l’obbligo di legge di costituirvi in condominio.
      Comunque per la ripartizione delle spese comuni, vi suggeriamo di far redigere da un tecnico una caratura millesimale (Con tabella millesimi).
      Amedeu e c.

  7. Salve, vorrei sapere se esiste una norma che discliplina la realizzazione di un punto di raccolta, per il successivo ritiro da parte dei netturbini comunali dei rifiuti solidi urbani all’interno di un condominio di circa 100 famiglie. Grazie.

    • Per Aniello.
      Ogni Regione ha le sue leggi e se poi vi sono Aziende municipalizzate diventa tutto ancora più complicato.
      Che fare?
      Prova a rivolgerti all’ufficio di Igiene Pubblica della tua ASL e poni la stessa domanda che hai fatto a noi.
      Amedeu e c.

  8. Ho comprato un garage, c’è un tombino della fogna del vicino, fuoriesce liquame. ho chiamato l’ufficio d’igiene mi ha detto che deve occuparsi il sindaco. Se non interviene allora intervengono loro .faccio presente che 40 anni fa era l’unico modo per far passare la fogna ma visto e considerato che la fogna comunale adesso è sulla via dove abitano loro. visto e considerato che pur avendo detto che escono lequami non vogliono sapere niente. anche perché il comune mi dice che è una cosa privata e devo far scrivere da un avvocato. per cortesia rispondete il prima possibile . Ringrazio anticipatamente.

    • Per Domenico.
      In caso di sversamento di liquami da un edificio, tale fenomeno diventa pubblico, e devono intervenire i Vigili Urbani, di solito coadiuvati dai Vigili di Igiene della ASL.
      Per cui, se il pozzetto sito nel tuo garage tracima, non si può affermare che trattasi di questione fra privati, in quanto, da quello che ci sembra di comprendere, adesso c’è la fognatura pubblica ed il vicino dovrebbe allacciarsi regolarmente alla stessa.
      E’ pur vero che le amministrazioni pubbliche non entrano in merito di questioni private, ma se tu chiami la Polizia Municipale indicando un pozzetto non tuo (Senza indicare nè incriminare altri vicini), sta alla stessa trovare gli autori del misfatto tramite prove con immissione di colori, ed obbligarli all’allaccio alla fogna nera comunale tramite una idonea intimazione.
      Quindi, ci sembra, che sia stata sollevata, puramente, una questione di forma e non di contenuti.
      Amedeu e c.

  9. Buonasera.
    Sono proprietaria di una porzione di cascina che si affaccia nel retro su di un terreno di un’altro proprietario, dal quale abbiamo circa un metro di distanza per passaggio di ronda per fare eventualmente dei lavori, per raggiungere questo passaggio devo pero’ passare dal mio vicino confinante dalla parte destra il quale, nonostante io abbiamo diritto di passaggio, esige ogni qualvolta una richiesta verbale, spesso capita che non rispondano neanche al citofono a mio marito solamente per farci un dispetto, a parte questo, e’ vero che dobbiamo ogni volta avvisare il proprietario se dobbiamo recarci sul retro per fare dei lavori di manutenzione o anche pulizia delle sole finestre?
    Cordialmente
    Ambra

  10. Un condomino implementò il giardino condominiale con piante rare e costose. Dette piante ,divenute col tempo
    proprità comune, devono essere alimentate con spese a carico di tutti i condomini, Se da parte di alcuni si rifiuta la manutenzione, come bisogna regolarsi?

  11. SONO EREDE ESECUTORE DI UN MIO ZIO NEL TESTAMENTO LASCIA AL FRATELLO UN PORTICO COMUNICANTE CON LA SUA PROPRIETA, CON LA SCRITA A MIO FRATELLO LASCIO IL PORTICO DI LARGHESA DI M.4,50 DA NOR A SUD, ORA IL FRATELLO MI CONTESTA DI AVERE ANCHE IL DIRITO DEL’AREA COMUNE PER SERVITU DI PASSAGGIO, MIO ZIO NON LA SCRITA IN TESTAMENTO, VISTO CHE PUO ENTRARE DALLA SUA PROPRIETA COLEGATA CON UN STABILE, ADIRITO DI QUESTA SUA RICHIESTA.

    • Per Guido.
      Se l’area di tuo fratello ha un altro accesso, non è fondo intercluso, per cui non dovrebbe avere tale diritto.
      Quanto sopra, però, va esaminato leggendo attentamente ogni parola scritta nel testamento.
      Cosa che potrai fare con l’aiuto di un legale della tua zona.
      Amedeu e c.

  12. HO RICEVUTO LA RISPOSTA DEL QUISITO RICHIESTOVI VI RINGRAZIO .

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


2 + 8 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>