Intonacatura della componente a secco del cappotto termico tramite intonaco cementizio a prestazioni superiori

Intonacatura della componente a secco del cappotto termico tramite intonaco cementizio a prestazioni superiori.

Ci rifacciamo al nostro precedente articolo dedicato alla presentazione di un cappotto termico, al quale occorre fare riferimento per le diverse fasi dell’intonacatura che segue e che viene applicata con un prodotto additivato con fibre di polipropilene a flessibilità migliorata e resistente ai cicli del gelo e disgelo.

Si tratta di un intonaco a prestazioni superiori, ad applicazione meccanizzata, denominato Webertherm Into e idoneo  per il sistema weber.therm robusto universal.

Campi di Impiego

Intonacatura del sistema weber.therm robusto universal.

Supporti: componente a secco del sistema weber.therm robusto universal, posata in modo conforme a quanto previsto dallo stesso.

Non applicare su: supporti diversi da quelli indicati.

Confezione

Confezione 1 

Confezioni: 
sacco da kg 25
Aspetto: 
polvere grigia
Durata: 
– Efficacia caratteristiche prestazionali: 12 mesi nelle confezioni integre al riparo dall’umidità
Resa per confezione:
1,7 mq per cm di spessore

Consumo

Prodotti

Consumi

Spessori

weber.therm into

circa 14 Kg/mq

per cm

Caratteristiche di messa in opera

Acqua d’impasto: 20 ÷ 24%
Tempo di vita dell’impasto: 1 ora
Tempo di attesa per rabottatura: > 12 ore
Tempo di fermo macchina: < 30 min
Tempo di attesa consigliato per la finitura: 1 giorno per ogni mm di spessore dell’intonaco e non meno di 28 gg nel caso di finiture colorate.

Questi tempi sono calcolati a 22°C e U.R. 50%; vengono allungati dalla bassa temperatura  associata ad alti valori di U.R. e ridotti dal calore.

Attrezzi necessari

– Cazzuola

– Rabbotto

– Staggia di alluminio

– Spatola metallica

– Intonacatrice in continuo

Preparazione suppporto

La posa della componente a secco del sistema weber.therm robusto universal (composta dai vari componenti e con le modalità previsti)

Applicazione

Intonacatura della componente a secco del cappotto termico tramite intonaco cementizio a prestazioni superiori 1   

– Posizionare i paraspigoli e fasce di riferimento utilizzando esclusivamente weber.therm into.

– Dosare l’acqua d’impasto regolando il flussimetro della macchina intonacatrice fino ad ottenere una malta consistente e plastica (22 lt circa d’acqua per 100 kg di polvere).

– Applicare il prodotto in una sola mano partendo dal basso dell’edificio; lo spessore finale dopo rabottatura dovrà essere di 2 cm.

– Per la realizzazione di scanalature in facciata, aumentare lo spessore finale dell’intonaco fino a 3,5 cm applicato in due mani (avendo cura che la profondità della scanalatura non sia superiore a 1,5 cm). Nel caso di modanature realizzate con intonaco, si consiglia di non superare lo spessore complessivo di 4 cm (applicato sempre in due mani).

– Livellatura con staggia di alluminio.

-Evitare il contatto diretto con il piano di calpestio posizionando un listello di altezza pari a 5 cm circa, da rimuovere durante la fase plastica dell’intonaco; la cavità dovrà essere successivamente riempita con malta osmotica weber.dry OS520

– A staggiatura avvenuta e a prodotto ancora fresco, annegare dei fazzoletti di reteweber.therm RE1000 su tutti gli angoli delle aperture (porte, finestre,..) per rinforzo e prevenzione della formazione di fessure a 45°.

– Dopo almeno 12 ore, quando il prodotto è indurito, rabottare la superficie e riquadrare angoli e spigoli.

-Attendere la completa maturazione dell’intonaco prima di procedere con l’applicazione dei rasanti weber.therm intocal finitura – weber.therm into finitura.

Avvertenze e raccomandazioni

-Temperatura di impiego +5°C ÷ +35°C

-Non applicabile su supporti gelati, in fase di disgelo, o con rischio di gelo nelle 24 ore successive

-Evitare l’applicazione con forte vento o in pieno sole o su superfici surriscaldate.

– Aggiungere solo l’acqua nella quantità indicata

– Non aggiungere al prodotto né leganti né inerti- Proteggere il prodotto da una rapida essiccazione ed inumidire per alcuni giorni dopo l’applicazione

– Non idoneo a ricevere piastrelle o rivestimenti pesanti

Dati tecnici

Granulometria: < 1,4 mm
Resistenza a compressione a 28 giorni: ≥ 10 N/mm2
Resistenza a flessione a 28 giorni: ≥ 4 N/mm2
Assorbimento d’acqua per capillarità (UNI-EN 1015-18): W1
Reazione al fuoco (UNI-EN 13501-I:2002): A1
Adesione FP (UNI-EN 1015-12): ≥ 0,8 N/mm2
Coefficiente di resistenza al passaggio del vapore:  µ < 20
Conduttività termica (val. tab. EN 1745:2002): λ = 0,5 W/mK
Durabilità:       NPD

I suddetti valori derivano da prove di laboratori in ambiente condizionato e potrebbero risultare sensibilmente modificati dalle condizioni di messa in opera.

 Conformità

Alla CE 998-1 Malta per intonaco esterno e interno per usi generali (GP)

 Voce di capitolato

Intonacatura della componente a secco del sistema weber.therm robusto universal, da realizzarsi tramite intonaco cementizio a prestazioni superiori weber.therm into di Saint-Gobain Weber, ad applicazione meccanizzata, additivato con fibre in polipropilene, a flessibilità migliorata, resistente ai cicli di gelo-disgelo, applicato nello spessore minimo di 2 cm (massimo 3) con un consumo di circa 14 kg/mq per cm di spessore.

Da rifinire, a maturazione avvenuta, con i rasanti weber.therm into finitura (bianco o grigio) o weber.therm intocal finitura, o con le finiture weber.calce RF-RM.

PDFScheda di sicurezza

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA 

di Amedeu

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.