Fabbricati prospettanti su strade pubbliche. Attenzione alle Ordinanze per la pubblica incolumità.

Parliamo in questo capitolo dei possibili guai che potrebbero capitare ai proprietari di quei fabbricati che prospettano sulle pubbliche vie e che non controllano periodicamente le condizioni della facciata principale e della gronda del tetto.

Le nostre città, ed in particolare i nostri centri storici, sono caratterizzati da edifici direttamente prospettanti sulle pubbliche strade: alcuni di essi, talvolta, attirano la nostra attenzione in quanto sono malmessi, con parti degli intonaci della facciata cadenti, oppure persiane rotte e che sbattono continuamente al vento, o ancora parti della doccia in lamiera o della gronda sporgente del tetto, ammalorate e fatiscenti, tanto da destare la preoccupazione dei passanti.

La gran parte di questi proprietari stipula una assicurazione sull’immobile e per questo motivo si sente tranquilla e non provvede neppure a togliere il pericolo esistente.

Questi proprietari, dovrebbero sapere che la assicurazione li copre civilmente, per pagare eventuali danni arrecati a terzi, ma non ha nessun potere dal punto di vista penale.

Le condizioni atmosferiche sono variabili e possono influire su parti cadenti di un edificio.

Un eventuale crollo di una parte prospettante sulla strada, anche di piccola dimensione, cadendo dall’alto, può causare danni molto seri alle persone.

E’ quindi dovere di noi cittadini provvedere a salvaguardare la pubblica incolumità, e nel contempo a salvaguardarci da eventuali e pesanti condanne penali.

La pubblica incolumità, per legge, la si ha proprio in questi casi, cioè quando il pericolo è incombente sui passanti nella pubblica via.
Naturalmente è importante anche la privata incolumità, però i proprietari se la possono gestire diversamente.

Noi abbiamo voluto fare questa distinzione per un motivo molto semplice: l’incolumità, quando è pubblica, diventa di competenza delle pubbliche Amministrazioni e più propriamente dei Sindaci , i quali, una volta venutane a conoscenza, sono obbligati ad intervenire, sia  tramite l’emanazione di atti che con i propri organi tecnici.

Il meccanismo relativo alla pubblica incolumità si innesta in questo moto: un passante, un vicino di casa oppure un vigile urbano, individuano una parte cadente dell’immobile e coscientemente si preoccupano  di segnalarla immediatamente.

Se il fabbricato è di un solo piano, l’intervento è veloce ed a togliarla provvede normalmente il proprietario; altrimenti deve essere avvisato il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, che provvede ad allertare una squadra che interviene con un automezzo provvisto di scala mobile.

CLICCARE SULL’IMMAGINE

I Vigili del Fuoco, di solito, non possono verificare tutta quanta una facciata o una gronda e quindi, di solito,  tolgono il pericolo visibile ed immediato e controllano le parti circostanti.

Il Comando dei VVF avvisa immediatamente per scritto (Fax o altro) il Sindaco del Comune e per conoscenza la locale Prefettura.

Appena il Fax giunge in Comune viene passato all‘Ufficio Tecnico competente, che tramite proprio personale effettua un immediato sopralluogo per verificare la situazione e stabilire cosa fare.

Una copia del fax viene inviata anche al Comando di polizia Municipale

I tecnici del Comune intervengono per verificare la situazione statica, e nel caso si tratti di facciate mal messe o di gronde difficilmente controllabili visivamente, provvedono, tramite l’ ufficio segnaletica del Comune, a fare transennare la facciata del fabbricato.

Contemporaneamente i vigili urbani assistono alle operazioni di transennamento e prendono i nominativi dei proprietari dell’immobile.

Per il momento la situazione è sotto controllo, in quanto il pericolo immediato è stato tolto ed i passanti sono stati avvisati, tramite la messa in opera di transenne, di transitare sul marciapiedi opposto a quello transennato.

Il Comune nella persona del Sindaco, appena ricevuto l’elenco dei proprietari, da parte della Polizia Municipale, emette a carico degli stessi una Intimazione o Ordinanza per la Pubblica incolumità. (Vedi un esempio semplice, di una ordinanza tipo)

Da questo momento i proprietari hanno un tempo stabilito per controllare e rimuovere il pericolo dal loro edificio.

Normalmente nell’ordinanza del Sindaco, per il decoro Pubblico e sulla base degli  articoli del Regolamento Edilizio, vengono richiesti a carico dei proprietari anche i lavori di sistemazionne della facciata e della gronda, compresa la tinteggiatura. (Questi ultimi non sono compresi nella ordinanza tipo di cui sopra).

Ma veniamo ai punti dolenti di tutta questa trafila sopra descritta: le transenne ed il suolo pubblico dalle stesse circoscritto, vengono addebitate ai proprietari dell’immobile, e poichè, sia per motivi finanziari, che di tempo occorrente per contattare una ditta edile che esegua il lavoro, passano di solito diversi mesi, detti proprietari si vedranno accollate delle spese non indifferenti, sia per il transennamento che per l’occupazione di suolo pubblico.

Inoltre, qualora i proprietari non si decidano ad effettuare i lavori, sull’ordinanza viene previsto che il Comune può intervenire ed effettuarli tramite una propria ditta di fiducia.  Questa opzione, naturalmente è sempre da evitare da parte degli interessati, in quanto i costi lieviterebbero astronomicamente, date le spese collaterali.

La Prefettura, che abbiamo citato sopra, effettua i propri controlli nei confronti delle pubbliche Amministrazioni, chiedendo più volte, notizie scritte circa lo svolgersi di tale ordinanza.

Il proprietario del fabbricato, dopo tanto soffrire, arriverà infine ad effettuare i lavori, con l’aggravio delle spese suddette.

Quindi, conviene sempre, a chi possiede un fabbricato sulla pubblica via, di tenerlo in  ordine, assicurandosi, tramite luna manutenzione annuale, di togliere  le minime parti che possano danneggiare i passanti.

Vedi per esempio l’intervento sotto effettuato dalla ditta FG – (www.fglavorinquota.com).

CLICCARE SULL’IMMAGINE

Questo ad evitare spese e guai ben maggiori.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

10 commenti

  1. la ditta appaltatrice che deve eseguire lavori ai frontalini dei balconi e obbligata a presentare il capitolato d’appalto.che differenza passa da pagamento a corpo e quello a misura

  2. Per Silvestro.
    Il capitolati di appalto può essere effettuato per qualsiasi opera ed ammontare di essa.
    In genere, però, se il lavoro è di modesta entità, i proprietari tendono a farlo eseguire dalle ditte senza redigere un Capitolato.
    “A corpo”, quando la ditta assume il lavoro e si impegna a consegnarlo “chiavi in mano” ad un prezzo stabilito e scritto sul Capitolato e sul Contratto.
    “A misura”, quando sulla base di un elenco prezzi approvato sia dal committente che dalla ditta, (Condizioni sempre scritte sul Capitolato e sul Contratto), vengono prese le misure del lavoro effettuato, che verrà pagato applicando a tali misure i prezzi unitari concordati.
    Amedeu e c.

  3. Ma se l’edificio in questione è pericolante al tal punto da poter crollare l’intera facciata su strada pubblica e se le transenne non sarebbero sufficienti per preservare l’incolumità pubblica tanto più che la larghezza ridotta della strada con transenne non permetterebbe il passaggio dei veicoli, il comune in questione, dopo aver avvisato il proprietario per anni e dopo aver fatto negli anni anche interventi per la messa in sicurezza del tetto (interventi addebitati al proprietario come indicato nell’articolo) potrebbe provvedere alla demolizione dell’edificio, composto ormai da 4 muri perimetrali senza tetto?
    Vi ringrazio per la vostra gentile risposta.

    • Per Fanny.
      Esattamente.
      Il Comune deve intervenire, specie se esiste pericolo per la pubblica incolumità.
      Interviene tramite una propria ditta di fiducia, addebitando le relative spese più interessi e costi tecnici, al proprietario, cui sarà, successivamente, imposto di pagare pena pignoramenti vari.
      Il fatto è, che siamo in un periodo di crisi per gli enti pubblici, e anche le questioni che riguardano seri pericoli per i passanti sulla pubblica via, passano in secondo ordine.
      Ciò non toglie, che se avviene un incidente qualsiasi i tecnici e gli amministratori comunali saranno perseguiti ai sensi di legge.
      Per smuovere la questione, se effettivamente c’è un imminente pericolo per la pubblica incolumità, devi fare intervenire (Tramite una lettera raccomandata) il Comando Provinciale dei Vigili del fuoco.
      Una volta che questi intervengono solleciteranno il comune tramite un fax o per via telematica e avviseranno, nel contempo, anche la locale prefettura.
      Per cui, se la questione sta come tu dici, ti suggeriamo di seguire questa strada.
      Amedeu e c.

  4. Effettuati gli interventi di scapitozzatura delle part pericolanti (gronde, frontalini balconi, cornicioni…) quale altro intervento – limitando al massimo la spesa – può essere effettuato per rimuovere qualsiasi potenziale danno?

    • Per Placido.
      Gronde e pluviali discendenti vecchi e corrosi, intonaci lesionati o rigonfiati e che rischiano di staccarsi dal supporto sottostante.
      Parte finale del manto di tegoli della copertura che, se smosso, può costituire un serio pericolo per i passanti.
      Amedeu e c.

  5. Giuseppe Daniele

    Vorrei chiedere se da un palazzo di proprietà comunale cadono dei calcinacci, tegole o dei paletti che potrebbero procurare danni alle persone o cose in quanto lo stesso in tutti i suoi lati del perimetro e circondato da vie di accesso pedonali o con veicoli, in attesa di un intervento che elimini le possibili fonti di pericolo.. è sufficiente transennare con un semplice nastro di segnalazione… che comunque permette un eventuale passaggio.. (ad esempio di bambini ignari del pericolo..) e che nel tempo a causa degli effetti atmosferici si rovina o bisogna transennare con adeguate barriere e magari emanare un ordinanza di divieto di passaggio.

    • Per Giuseppe Daniele.
      Se il fabbricato fronteggia strade e marciapiedi entra in gioco la pubblica incolumità.
      Per cui, ti consigliamo, di fare intervenire i Vigili del Fuoco per togliere il pericolo più imminente (Intonaci, tegole in gronda cadenti e altro), dopo di che i VVF scrivono al Comune e viene a smuoversi un meccanismo che comporta l’emanazione da parte del sindaco di una ordinanza (In questo caso diretta a se stesso e quindi da evitare), per cui il medesimo dovrebbe, tramite ditta di fiducia dell’amministrazione comunale, fare transennare adeguatamente l’immobile, in attesa di effettuare lavori di eliminazione completa delle parti pericolanti, sempre da una ditta di fiducia.
      Amedeu e c.

  6. Nel mio caso la facciata fronte strada è in condizioni dignitose al contrario dello stabile che versa in condizioni a dir poco critiche, in questo caso i vigili del fuoco possono interessarsi anche alle condizioni interne e chiedere provvedimenti o non è di loro competenza trattandosi di pertinenza privata ?
    Mi spiego, vorrei tanto demolirlo e per far questo mi servirebbe una dichiarazione dei vigili che ‘stimoli’ il Sindaco ad emettere l’ordinanza che tentenna ma di fatto non emette.

    • Per Roberto.
      L’interno, per principio riguarda il diritto privato e come tale va risolto.
      Esistono però dei casi, dove le condizioni statiche interne; per esempio solai ammalorati e cadenti, travi crepate ecc, possono determinare un collasso dell’edificio con crollo che potrebbe interessare la strada e quindi la pubblica incolumità.
      Il tuo ingegnere dovrebbe averti dato dei suggerimenti in merito.
      Inoltre, non è raro, che se i vigili del fuoco ravvedono all’interno dell’edificio pericolo per le famiglie che vi abitano, che venga avvisato il Comune tramite fax; dopo di che il sindaco si troverà costretto a emettere ordinanza di sgombero e di demolizione delle opere cadenti, indirizzata ai proprietari e agli inquilini.
      Amedeu e c.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.