Un pannello plastico a difesa dei muri contro terra

Nella realizzazione di opere interrate  o anche nel risanamento totale di locali interrati,  si deve adoperare una ottima impermeabilizzazione della superficie di muro che rimarrà a contatto  del terreno: inoltre l’impermeabilizzazione va protetta dalla ghiaia selezionata odal materiale inerte, affinchè non subisca, nel tempo, rotture o lesioni che possono creare infiltrazioni di acqua; un sistema moderno ed ottimale per tale protezione  consiste nell’usare un pannello plastico a difesa dei muri controterra.

Vediamo insieme un ottimo pannello in Polipropilene (PP) riciclato o polipropene, realizzato dalla Geoplast S.p.A e denominato "Defender"

Pannello di defender 1 1 

Vantaggi

Tale sistema unisce i vantaggi della guina bugnata e della ghiaia in un unico prodotto, proteggendo maggiormente  l’impermeabilizzazione e ventilando il muro interrato.

Eliminazione della ghiaia, della guaina bugnala a protezione della guaina di impermeabilizzazione e del tubo drenante alla base della fondazione, utilizzati nel sistema tradizionale, con conseguente risparmio del 15-20% sul costo dell’opera.

Completa aerazione in tutte le direzioni grazie all’intercapedine che si viene a creare con la sua posa diretta sulla guaina impermeabilizzante e che garantisce migliori condizioni ambientali nel locali interrati, con la diminuzione del problemi di umidità e la riduzione dell’effetto parete fredda.
 
Sotto un disegno schematico con il confronto tra l’uso di tali pannelli e il tradizionale; come è possibile notare, i pannelli possono partire da sopra la fondazione (Dove viene creata una canaletta di scorrimento acque), e non è necessario, come con la ghiaia raggiungere il piede della fondazione.
 
Sezioni 1  

Buona tenuta all’acqua grazie al particolare sistema di aggancio che si sviluppa per sovrapposizione lungo tutto I’elemento.

Particolari 1    

Efficace protezione da impatto sulla impermeabilizzazione durante le operazioni di reinterro riguardanti la spinta orizzontale del terreno contro la struttura e valida barriera antiradice che garantisce, nel tempo, la durata dell’impermeabilizzazione da pericolose lesioni.

Ridotta superficie dl appoggio tra il Defender e la guaina impermeabilizzante e maggior protezione della stessa grazie al piedini arrotondati.

Un pannello plastico a difesa dei muri contro terra 1   

Possibilità di coprire grandi superfici con pochi elementi grazie alle dimensioni dei pannelli (80×60 cm).

Il peso e  I’ingombro ridotti del singolo elemento favoriscono la facilità di movimentazione in cantiere, la semplicità dl assemblaggio tra elementi e la velocità di posa (circa 20 mq/h/operaio).

Ogni pannello può essere facilmente tagliato in prossimità dagli spigoli; per la chiusura degli angoli si utilizza una striscia di cartone plastico con una sovrapposizione per entrambi i lati di 20 cm, e sopra I’ultimo corso di elementi si posiziona una striscia di cartone plastico con una sovrapposizione di 20 cm

Modalità di posa in opera

Messa in opera 1   

1) Realizzazione di fondazione e muratura piano interrato in cls

2) Predisposizione di canale di raccolta acqua alla base del muro di fondazione

3) Posa della guaina impermeabilizzante

4) Posa dell’elemento "Defender" secondo la modalità di posa

5) Fissaggio della fila degli elementi superiori con chiodi in acciaio e rondelle in plastica

6) Posizionamento di una striscia di carton plastico sopra tutti gli elementi superiori

7) Posizionamento di una striscia di carton plastico sugli angoli interni e/o esterni

8) Reinterro dello scavo con terreno di riporto

Caratteristiche tecniche

Dati tecnici di defender 1   Scheda tecnica 1   

L’aggancio che si sviluppa per sovrapposizione lungo tutto I’elemento permette una posa rapida e veloce

2) Ogni pannello può essere tagliato con utensili standard, quali flessibili, seghe circolari ecc.in prossimità degli angoli e della sommità del muro di fondazione

3) La posa degli elementi si realizza posandoli da destra verso sinistra e dal basso verso l’alto, seguendo le frecce stampate.

4) Il fissaggio degli elementi superiori avviene con chiodi in acciaio e rondelle in plastica

5) Il cartonplastico viene posizionato in sommità con una sovrapposizione di 20 cm e bloccato con prodotto collante

6) II cartonplastico viene posizionato negli angoli con una sovrapposizione di 20 cm per entrambi i lati e bloccato con prodotto collante

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.