Una tecnologia innovativa per il risanamento delle canne fumarie.

Le nostre città, come abbiamo più volte ricordato, hanno dei grandi centri storici, con edifici più o meno antichi.

Molti di questi vecchi fabbricati sono provvisti di canne fumarie costruite in mattoni e talmente vecchie, talvolta, da essere inutilizzabili.

Con l’avvento delle nuove tecnologie diventa spesso indispensabile sfruttare queste canne fumarie per il passaggio delle tubazioni delle nostre caldaie o stufe, siano esse a gas oppure a legna.

Il più delle volte è impossibile poterle sfruttare per tale scopo, in quanto si dovrebbero aprire le murature, risanare i vuoti delle canne fumarie e poi utilizzarle richiudendo la muratura stessa: quindi lavorazioni complesse e molto costose.

La tecnologia va sempre avanti ed ha portato una novità che interesserà molti lettori, i quali potranno sfruttare queste vecchi camini tramite un sistema commercializzato dalla ditta Elenca s.r.l  (www.elenca.it).

Il prodotto del quale vi mostreremo le immagini ed il modo di montaggio è stato denominato "Furanflex" ed è realizzato in materiale composito cristallizzato.

Praticamente è una canna fumaria gonfiabile, la quale è formata da una manichetta, che viene calata dentro al condotto da ripristinare (cemento, pietra, mattoni, acciaio, eternit ecc). Viene gonfiata per mezzo di una macchina che produce vapore a bassa pressione,  in maniera che si adatta alla forma del cavedio nel quale viene inserita, evitando così consistenti spacchi delle murature.

Il processo di indurimento delle manichette richiede da 1 a 2 ore, ed è irreversibile. Il risultato è praticamente una nuova canna fumaria con parete interna liscia e rigida, resistente alle condense acide dei fumi.

Sotto l’immagine della Furanflex con i relativi raccordi  e di fianco l’operaio che con il telaio e l’argano di un Kit idoneo , fa salire il condotto  fino al tetto.

           Furanflex e calo dal tetto della stessa.

La Furanflex è prevista ad uso canne fumarie a Gas, GPL e consigliata per apparecchiature a condensazione.

Ma vediamo le seguenti immagini:

          CLICCARE SULLE IMMAGINI

 Nell’immagine sopra a sinistra  i diversi usi per i quali può essere utilizzato il condotto gonfiabile. nella foto a destra la rappresentazione dell’interno della canna fumaria, prima e dopo il trattamento.

           CLICCARE SULLE IMMAGINI

Sopra, invece, vediamo l’immagine di una canna fumaria risanata per una stufa o camino a legna, pelleto altri combustibili solidi; a destra la solita rappresentazione dell’interno, prima e dopo il trattamento.

Sotto invece la tabella delle caratteristiche tecniche di Furanflex Gas e di Furanflex Legna.

      CLICCARE SULL’IMMAGINE

Per gli installatori, la ditta  commercializza un Kit completo di tutto il necessario  (telaio ed argano compreso) per l’utilizzo e la messa in opera dei condotti gonfiabili.

      CLICCARE SULL’IMMAGINE

Relativamente a questa novità tecnologica, dobbiamo dire che senza dubbio va a risolvere problematiche, in vecchi e nuovi edifici, che se affrontate diversamente diventerebbero molto costose

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

15 commenti

  1. vorrei sapere come si fà un impianto termico per una villetta di120mq composta di 3 piani (40 mq a piano) la zona è riscaldata con teleriscaldamento mi hanno detto che ci vuole un boiller per l’aqua sanitaria per cortesia mi può mandare uno schema di come fare l’impianto grazie ed auguri buone feste ianni

  2. Per Carlo.
    Devi rivolgerti da un tecnico impiantista che faccia un sopralluogo, ti studi la soluzione, ti segua l’impianto ed il collaudo.
    Amedeu e c.

  3. Salve leggendo il Vostro articolo sulla canna fumaria, sarei interessato a sapere come si installa una nuova canna fumaria all’interno di una già esistente e se bisogna fissarla lungo il suo sviluppo in verticale, con staffe che sorreggano il peso della stessa, sopratutto se la canna fumaria è disassata dal focolare quindi termina con una curva.

  4. Per Mauro.
    I passaggi più importanti della messa in opera della guaina della canna fumaria li troverai sul nostro articolo; per i particolari che ogni lavoro presenta, dovrai confrontarti con la ditta installatrice e della quale trovi il l’indirizzo nell’articolo stesso.
    Amedeu e c.

  5. salve, mi occorre un’aiuto dovrei isolare una canna fumaria circolare in acciaio dal tetto in legno cosa devo usare? spesa economia x favore grazie

  6. buongiorno, vorrei installare un camino utilizzando una canna fumaria mai usata ma purtroppo ancora in ethernit. vorrei capire se con questa nuova tecnica c’e la necessità comunque di rompere la vecchia canna fumaria per collegarla al nuovo camino.grazie

    • Per Loretta.
      In presenza di eternit, specie quello esposto al calore ed in grado di sfogliarsi e polverizzarsi, ti conviene non utilizzare detta canna fumaria e di crearne un’altra esterna alla muratura (cioè, incassettata ed interna o esterna all’ambiente a seconda lo spazio disponibile che hai).
      Così facendo puoi semplicemente abbandonare la vecchia canna fumaria, murandola.
      Amedeu e c.

  7. Gentile Amedeu,
    la canna fumaria di eternit è già murata (è posta nel muro che separa una villetta dall’altra trattandosi di villette a schiera) e non è mai stata utilizzata. l’azienda che installa caminetti mi ha proposto di intubare la vecchia canna fumaria ma per raccordare il camino alla canna bisogna comunque andare a spaccarla ..e da li’ che nasce la mia perplessità di andare a toccare, seppur mi hanno detto minimamente, la canna fumaria esistente. l’alternativa eventualemnte di creare una nuova canna fumaria a fianco di quella vecchia puo’ avere un senso anceh a livellod i costi?
    grazie mille
    Loretta

    • Per Loretta.
      Comprendiamo le tue considerazioni, però dobbiamo esprimerti il nostro punto di vista: non tutto l’amianto è dannoso alla salute, esiste un tipo lanugginoso, che attraverso l’aria diventa pericoloso per i nostri polmoni. Non si sa mai se l’eternit che stiamo trattando sia stato realizzato con tale “tipo” di amianto.
      Fra l’altro se l’eternit è bagnato risulta meno volatile, mentre se adoperato in zone secche e riscaldate lo è maggiormente.
      Perciò, preferiamo sempre trattare con altri materiali.
      Ciò non esclude che le case italiane siano sature di tubazioni di eternit, installato in decenni di inconsapevolezza.
      Altro non sappiamo dirti.
      Amedeu e c.

  8. ti ringrazio Amedeu per le tue considerazioni. quindi confermi che a tuo avviso è meglio non utilizzare del tutto la canna fumaria ed eventualmente installarne una nuova?
    ti ringrazio ancora,

  9. In una palazzina di 3 piani al primo piano esiste un camino con una canna fumaria in eternitche attraversa i9l mio appartamento e quellom sovrastante e non potendola sostituire ho esegueti ,solo nel mio appartamento,i seguenti lavori:
    ho ingessato la canna fumaria con cemento refrattato e bende 2 mani,poi ho formato un cappotto di lana di roccia ricoperta con foglio di alluminio,poi ho incassonato con cemento refrattata sui lati della canna fumaria,ho creato una copertura di lamiera zincata da 0.5 cm ,sui lati e sullegiunture della lamiera ho siliconato con sitol silicone termoresistente e alla fine ho riempieto glo spazio tra il tubo di eternit e la lamiera con argilla espansa.
    Vorrei sapere se è corretto quello che ho fatto e se corro qualche rischoi in caso di rottura della canna fumaria nell’appartamento sotto al mio o quello sopra al mio.
    Vorrei sapere se in zona di Napoli o provincia esiste un utilizzitore del sistema “Furanflex” e se è consigliabile per una canna fumaria dim circa 9 mt.
    saluti

    • Per Paolo.
      Per il Furanflex, devi contattare la ditta e chiedere se hanno referenti nella tua zona.
      Relativamente ai lavori fatti, dobbiamo dire che hai costruito un carro armato intorno a questa canna fumaria.
      Il fatto è, che le particelle di eternit, con il calore, tendono a staccarsi e a volatizzarsi lungo il camino e verso l’aria esterna.
      Purtroppo esistono ancora centinaia di migliaia di questi casi in tutta Italia.
      Che dirti?
      Non sei il solo, per cui “Mal comune mezzo gaudio”.
      Amedeu e c.

  10. Gentile Amedeu, vorrei porre il mio problema.
    Di recente il camino che utilizzo per cucinare con griglia a gas ha iniziato a provocare ” puzza da fumo” in camera da letto. Dal camino al piano terra all’uscita dal tetto ci sono circa 6,5 metri. Ho deciso, pensando che ci fosse una perdita dalle giunte della canna fumaria in blocchi di leca, di intubarla con una nuova canna in acciaio inox. Mi sono fatto consigliare in magazzino edile e ho installato una inox mm 200 ( massima sezione che potessi inserire nella vecchia canna cm 20*30) e ho riempito gli spazi vuoti con vermicolite.
    Risultato finale : il camino non tira più e mi si riempie il garage di fumo. Come posso fare? E perchè? E pensare che da dentro il camino la nuova canna aspira e come..!! Saluti. Matteo.

    • Per Matteo.
      Potremmo fare delle ipotesi, ma a distanza, sarebbero tutte da verificare, ed inoltre l’argomento che ci poni è piuttosto delicato ,a causa l’uscita dell’ossido di carbonio.
      Ti conviene fare eseguire un sopralluogo da un tecnico professionista abilitato della tua zona, al fine di trovare una soluzione.
      Amedeu e c.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


+ 1 = 8

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>