Amianto. Pericolosità, cautela e bonifica. Come fare

L’amianto è diventato uno dei grandi problemi del secolo, e fa paura solo pronunciarne la parola.

L’asbestosi che è una malattia polmonare tipo tumorale  è stata ufficialmente riconosciuta e questo deve portare alla dovuta cautela nel trattare i materiali contenenti l’amianto.

Purtroppo è sparso ovunque, in quanto per circa un secolo è stato usato per tutti gli usi e scopi.

Secondo quanto affermano alcuni validi scienziati, quello pericoloso sarebbe l’amianto "aghiforme" che rappresenta una modesta parte dell’amianto prodotto nel mondo (circa il 20%). Esiste appunto un secondo tipo di amianto (Il più usato) e che ha le fibre a spirale, più lunghe delle prime e che possono essere espulse più facilmente dai polmoni di una persona.

Il problema è che non si possono riconoscere a vista questi due tipi di amianto, per cui è obbligatoria la caurela.

Indubbiamente quando ci troviamo di fronte ad un tetto malandato di lastre di eternit, tipo quello sotto rappresentato, oppure "sfilacciato" come quello che si nota nella seconda fotografia, è necessario prendere tutte le precauzioni del caso, senza curarci delle statistiche o dei pareri di alcuni valenti scienziati.
      

Le vecchie coperture di Eternit o i vecchi tubi dei nostri camini, devono essere guardati e trattati con il dovuto rispetto.

Qualora a qualcuno venisse l’idea di demolire o rimuovere  per conto proprio una struttura del genere, ci deve rinunciare a priori, per la pericolosità cui andrebbe incontro.

Quindi cosa deve fare?

Deve rivolgersi a ditte private specializzate nella rimozione e bonifica dell’amianto.

La loro mano d’opera è attrezzata, con tuta, guanti e respiratori idonei e provvedono ad effettuare tutte le operazioni necessarie, trattando le lastre e smaltendole in discariche specializzate.
Il disperdere questo materiale nell’ambiente è estremamente pericoloso e dannoso per la salute.

  CLICCARE SULL’IMMAGINE

Comunque, va detto che non tutti i materiali di amianto possono essere irrecuperabili ; alcuni possono difatti presentarsi in ottimo stato di conservazione, per cui chiamati i tecnici esperti in bonifica, intere coperture di edifici industriali e non, possono essere mantenuti, tramite trattamenti superficiali particolari,  che impediscono nel tempo la volatilità delle fibre di amianto nell’aria.

Questi trattamenti, ricordiamo, vanno fatti solo da tecnici esperti, che usano materiali idonei all’isolamento delle lastre di amianto.

Una raccomandazione: se la vostra attività vi porta a contatto con l’amianto, dovrete indossare delle tute protettive guanti e mascherine di protezione  e dovrete tenere bagnato il materiale di amianto per quanto sia possibile, per impedire che fibre dello stesso possano disperdersi nell’ aria.

 Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

2 commenti

  1. E’ possibile avere un’idea del costo di smaltimento al mq? Grazie

  2. Per Abner.
    Tutto compreso:
    rimozione, trasporto, Asl e Discarica, dovrebbe aggirasi intorno ad una cifra media di 20 euro al mq.
    Tanto per quantità inferiori ai 100 mq.
    Amedeu

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.