Incollaggio e rasatura di pannelli in EPS per cappotti termici

Incollaggio e rasatura di pannelli in EPS per cappotti termici

I cappotti termici sono diventati molto importanti ai fini del risparmio energetico di una costruzione, e un elemento essenziale nella realizzazione degli stessi è il collante, che normalmente serve anche come rasatura: in questa ottica vogliamo parlarvi di uno di questi prodotti, ed esattamente di una malta premiscelata a secco,  ideale per: l’incollaggio e la rasatura, in genere, di pannelli isolanti in polistirene espanso sinterizzato (EPS),  denominata Spyricolla P200, su fabbricazione della Cugini S.p.A. di Nembro (Bg) e  usata e commercializzata dalla Pontarolo Engineering di San Vito al Tagliamento  (PN), specie per pannelli del tipo Spyrogrip, dotati sulla superficie interna di particolari conformazioni a gola, sughero espanso tostato (ICB) e lana di roccia (MW) nonché per la rasatura di superfici di calcestruzzo ed elementi prefabbricati.

Composizione e campo di utilizzo

Incollaggio e rasatura di pannelli in EPS per cappotti termici 1  

Spyrocolla P200 è una malta premiscelata a secco composta da: cemento Portland di elevata qualità, sabbie selezionate, resine ed additivi che migliorano la lavorabilità e l’adesione. Il prodotto è conforme ai requisiti riportati nella guida tecnica europea ETAG 004.

Colore

Il prodotto è di colore grigio, ma può essere fornito anche nella versione bianca: Spyrocolla P 200B.

E’ un adesivo/rasante polivalente dotato di:

– elevata adesione alle diverse tipologie di materiali impiegati in edilizia,

– ottima elasticità e resistenza meccanica,

– facilità di applicazione e buona lavorabilità,

– lunga lavorabilità dell’impasto (pot life).

Il prodotto è l’ideale per:

– l’incollaggio e la rasatura di pannelli isolanti in polistirene espanso sinterizzato (EPS) in genere e del tipo Spyrogrip di Pontarolo Engineering (Del quale parleremo in un prossimo articolo) dotati sulla superficie interna di particolari conformazioni a gola, sughero espanso tostato  (ICB) e lana di roccia (MW);

– la rasatura di superfici di calcestruzzo ed elementi prefabbricati.

Dati tecnici

Dati tecnici 2   Dati tecnici 1   

Avvertenze

Avvertenze 1

Ciclo applicativo

Preparazione supporto

Il supporto da trattare deve essere stabile (non soggetto a ritiro igrometrico o a distacchi di parti incoerenti), privo di polvere, di sali, di sostanze grasse od oleose e di disarmante nel caso di superfici in calcestruzzo.

La superficie del supporto deve avere un assorbimento d’acqua uniforme e non deve presentare irregolarità superiori allo spessore massimo per mano di applicazione.

Eventuali irregolarità vanno riempite con un idoneo materiale e lasciate stagionare per il tempo necessario affinché avvenga una corretta asciugatura. Il  supporto, se molto assorbente, deve essere inumidito prima della posa, in particolare con clima caldo e secco.

Attrezzature

– spatola dentata. – frattazzo

– spatola liscia. – staggia

– miscelatore meccanico con frusta . – miscelatore continuo orizzontale

Miscelazione

La si deve impastare con un miscelatore a frusta a basso numero di giri (o con miscelatore continuo orizzontale), aggiungendo ca. il 27% di acqua, pari a 6,7 litri per sacco da 25 kg, fino ad ottenere un impasto omogeneo.

Attendere circa 10 minuti e rimescolare brevemente senza aggiungere altra acqua prima di procedere all’applicazione.

Acqua da impasto.  ca. 27% (6,7 litri per sacco)

Resa.  80 litri per 100 Kg di malta secca

Consumi

Incollare a superficie piena.  3 – 5 Kg/m2 circa

Rasare.  4 Kg/m2 circa con spessore 4 mm

Applicazione

Incollaggio su supporto planare: applicare il prodotto sul retro del pannello a superficie piena c on il metodo del cordolo perimetrale e dei tre punti di incollaggio posti al centro, in alternativa applicare il prodotto sul retro del pannello a superficie piena; in entrambi i casi lasciare un bordo libero di ca. 2 cm lungo l’intero perimetro del pannello al fine di evitare che l’adesivo rifluisca nel giunto impedendo una corretta unione dei pannelli.

Nota: La posa dei pannelli deve avvenire dal basso verso l’alto dopo il posizionamento dell’apposito profilo.

I pannelli vanno posizionati sfalsati avendo cura di accostare perfettamente i bordi.

Tassellatura: dopo circa due giorni dalla posa del pannello, comunque non prima del completo indurimento e d asciugatura della malta, procedere al  fissaggio supplementare con tasselli in numero idoneo a sostenere il peso del pannello e secondo le indicazioni del fornitore (solitamente 6 pezzi ogni m2).

Rasatura: con l’ausilio di una spatola dentata, applicare un primo strato di  malta, quindi annegare un’idonea rete (in fibra di vetro alcali resistente), disponendola in verticale e sormontando i giunti di almeno 10 cm.

Rasare la superficie aggiungendo, se necessario, altro materiale fino ad ottenere uno strato complessivo di circa 4 mm.

In corrispondenza di finestre ed aperture è consigliabile aggiungere delle strisce di rete con un’inclinazione di 45 °, inoltre in zone soggette ad urti al fine di migliorare la resistenza all’impatto della finitura è consigliabile utilizzare una rete a grammatura maggiorata o due strati di rete.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA  
 

di Amedeu

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.