Lattice additivante per aumentare l’adesione ai supporti.

Per ottenere una ottima adesività della malta cementizia, durante alcuni lavori particolari, e di tipo betoncini o massetti in calcestruzzo, rinzaffi o arricci  che devono avere una elevata presa e resistenza chimica e meccanica, è necessario usare un lattice idoneo ad alte prestazioni, che ne migliori le caratteristiche di compattezza e flessibilità.

Fra i prodotti della KeraKoll, noi abbiamo spesso usato  il lattice P6, idoneo a tale scopo.

Si trova presso i magazzini edili, normalmente  in confezioni da1- 5 e 25 Kg.

Durante i lavori di riporto a spessore, di ripristino e livellamento di fondi compatti a ridotto assorbimento, è necessario incrementare il grado di adesione delle malte e dei massetti cementizi. Il lattice P6 (Grazie alla sua composizione chimica) garantisce alti livelli di adesione, consentendo di avere dei riporti monolitici e duraturi nel tempo.
 
 Il lattice P6 è indispensabile anche per la preparazione di boiacche d’aggancio e rinzaffi adesivi nelle riprese di getto, nei ripristini di calcestruzzo, negli intonaci e nei massetti.
 
 Va aggiunto nella betoniera secondo dosi consigliate dalla casa costruttrice e che sono:
 
Per il calcestruzzo :               10 – 30% sul peso del cemento
Per la malta :                           10 – 30% sul peso del cemento
Per la boiacca d’aggancio :  1 P6 : 1 acqua : 2,5 cemento
 
 

Le sue temperature limite d’applicazione vanno da da +5 °C a +35 °C

 
 
CLICCARE SULL’IMMAGINE
Il suo utilizzo si rende indispensabile in lavori di consolidamento di murature  come per esempio si vede nell’immagine sottostante:
 
CLICCARE SULL’IMMAGINE
 
 
Viene usato nella:
Addittivazione di malte e betoncini e preparazione di boiacche d’aggancio per:
 
– Ripristini o ricostruzioni di calcestruzzo su travi, pilastri, balconi, cornicioni
– Riprese di getti di calcestruzzo
– Intonaci ad elevata aderenza e resistenza chimica e meccanica
– Rasature cementizie flessibili
– Rinzaffi e riporti cementizi
 
 
La sua destinazioni d’uso è sia per Interni che per esterni.
Con additivazione di malte cementizie tradizionali, betoncini, calcestruzzi e boiacche adesive
 
Ma quali miglioramenti si ottengono usando il lattice P6 nei confronti di preparati normali?
Sotto sono riportati alcuni dati essenziali tratti dalla scheda tecnica del prodotto:
 
Miglioramenti ottenuti con P6:
– acqua d’impasto = – 5%
– modulo elastico statico = 44% UNI 6556
– adesione su calcestruzzo a 28 gg = + 7% (rottura malta) CSTB 2893-370
– resistenza al taglio su cls a 28 gg = + 97%
 
Quale raccomandazione della ditta, è quella di non utilizzarlo, puro o diluito con acqua, direttamente su fondi cementizi come primer per realizzare riprese di getto.
 
Tale articolo, viene redatto a risposta di molti nostri lettori, che richiedevano l’utilità del lattice additivante nella lavorazione di alcune opere edilizie.
 
Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

2 commenti

  1. Ciao Amadeus cortesemente dovrei eseguire un betoncino armato con cemento e rena mi sapresti dire la dose come devo farla? Ho una betoniera da 100 litri kibo ne devo usare?
    Grazie
    Manuele

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.