Un adesivo cementizio a presa rapida, idrorepellente e deformabile

Tratteremo in questo articolo di un adesivo cementizio a presa rapida, idrorepellente e deformabile, per la posa di ceramica e pietre naturali.

Si tratta di un adesivo in polvere monocomponente a presa e a idratazione rapida, transitabile già dopo 3 ore dalla posa.

un adesivo cementizio a presa rapida, idrorepellente e deformabile 1   

Ha un’ottima adesione anche su superfici inassorbenti, è ingelivo e ha una buona deformabilità.

Grazie alla sua idrorepellenza, riduce in modo drastico la quantità di acqua che può arrivare a contatto con gli strati inferiori.

E’ anche indicato per lavori dove sia necessaria una rapida messa in esercizio (3 ore).

Denominato Adeproof Rapido è un prodotto della Adesital S.p.A  di Ubersetto di Fiorano (MO)

Campi di applicazione

Posa rapida all’interno ed all’esterno, su guaine impermeabilizzanti della Asesital e su supporti tradizionali, di piastrelle ceramiche di ogni tipo: grès porcellanato, klinker, cotto, monocottura, bicottura, inoltre posa di pietre naturali, graniti, marmi colorati e ricomposti stabili all’umidità, e infine sovrapposizione rapida di ceramica su ceramica, marmette, pietre naturali.

Dati tecnici

Dati tecnici 1   

Preparazione dell’ impasto

Miscelare 6.2-6.8 litri di acqua pulita per ogni sacco da 25 kg di Adeproof Rapido bianco o 5.3-5.8 litri per ogni sacco da 25 kg di colore grigio, preferibilmente con mescolatore meccanico a basso numero di giri, fino ad ottenere una pasta omogenea della viscosità desiderata e priva di grumi. Lasciare riposare l’impasto per circa 5 minuti e rimescolarlo brevemente prima dell’uso.

L’impasto così ottenuto rimane utilizzabile per circa 30 minuti.

Preparazione del sottofondo

Il supporto della piastrellatura al momento dell’applicazione dell’adesivo deve essere conforme ai requisiti di stagionatura, integrità resistenza meccanica e superficiale, regolarità dimensionale, umidità e assenza di  agenti contaminanti come riportato nella Norma UNI 11493 sez. 7.3.

Massetti cementizi:

i supporti cementizi devono possedere una maturazione idonea (28 giorni a temperatura

+23°C e U.R.50%)a meno che non vengano realizzati con STARCEM o STARCEM PRONTO (vedi schede tecnche).

I supporti devono essere planari, stabili dimensionalmente e meccanicamente resistenti in funzione della destinazione d’uso, privi di parti friabili ed esenti da oli, vernici, cere e materiali antiadesivi.

I supporti devono essere sufficientemente asciutti: in presenza di umidità l’adesivo può rallentare la presa.

In ogni caso tali supporti devono rispettare i requisiti della norma UNI 11493 punto 7.6

Intonaci:

gli intonaci devono avere una maturazione di almeno una settimana per cm di spessore.

I supporti devono essere a piombo e meccanicamente resistenti in funzione della destinazione d’uso, privi di parti friabili ed esenti da oli, vernici, cere e materiali antiadesivi.

I supporti devono essere sufficientementeasciutti: in presenza di umidità l’adesivo può rallentare la presa.

N.B. I supporti in gesso o anidrite devono essere asciutti (umidità residua inferiore allo 0,5%) sufficientemente resistenti, con superficie idonea (altrimenti prevedere carteggiatura/irruvidimento) privi di polvere e trattati con Primer possibilmente GS.

In ogni caso tali supporti devono rispettare i requisiti della norma UNI 11493 punto 7.6

Posa su piastrelle esistenti:

nel caso di sovrapposizioni di piastrelle ceramiche è necessario verificare che tutte le vecchie piastrelle siano ben ancorate; pulire e preparare accuratamente la superficie del vecchio pavimento mediante un primo lavaggio con detergente basico idoneo, successivamente effettuare un lavaggio

Applicazione delle piastrelle

Per una corretta applicazione dell’adesivo si consiglia di stendere inizialmente una mano a zero dell’adesivo con spatola liscia e di procedere successivamente all’applicazione dell’adesivo con una spatola dentata idonea allo spessore che si vuole ottenere, all’irregolarità che presenta il sottofondo e al tipo di piastrella da applicare.

Stesura 1  

 Applicata la piastrella è bene esercitare una buona pressione, così da assicurare una bagnatura completa del suo retro.

Condizioni ambientali particolari: vento forte, temperature elevate, sole battente o sottofondi molto assorbenti possono ridurre anche in maniera drastica il tempo aperto e di registrazione.

Per limitare tale problema si consiglia di inumidire il sottofondo prima della stesura dell’adesivo.

In ogni  caso è comunque necessario verificare prima della posa che l’adesivo non abbia filmato.

In tal caso occorre rispatolare l’adesivo per riattivare l’adesività.

E’ assolutamente sconsigliabile versare acqua sull’adesivo che ha  già filmato, poichè ciò crea un velo antiadesivo.

Nel caso di pavimenti o rivestimenti esterni, in particolar modo  quando il rovescio delle piastrelle è a rilievo o a coda di rondine (klinker, cotto, ecc.), è sempre necessario spalmare l’adesivo anche sul rovescio in modo da evitare che rimangano delle cavità dove possa penetrare  acqua o si possa formare umidità di condensa che, in caso di gelo, potrebbero provocare distacchi o rotture.

La posa, comunque, deve essere sempre essere effettuata in conformità alla norma UNI 11493.

Fugatura

La fugatura delle piastrelle potrà essere effettuata dopo 4-8 ore a parete, dopo 24-36 ore a pavimento.

A tale scopo e secondo gli spessori, si consiglia di utilizzare sigillanti per fughe Adesital.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA

di Amedeu

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.