10 – Completamento dei muri portanti del piano abitabile con blocchi in laterizio

Avete già letto i precedenti articoli sulla costruzione di una casa in muratura?

VEDI NELLE CATEGORIE  "Costruzione casa"

VEDI L’ARTICOLO N° 9

Nel precedente articolo 9 abbiamo montato i ponteggi esterni ed interni e cisiamo apprestati a proseguire il rialzamento dei muri portanti in laterizio.

Dobbiamo ricordarci due misure importanti: a mt. 2,15 montiamo l’architrave delle porte interne ed a mt 2,40 ( 0,90 di parapetto + 1,50 altezza della finestra) quello delle finestre.

 I muri che stiamo costruendo sono spessi cm 30, per cui dobbiamo architravare le porte e le finestre con 2 elementi affiancati.

La DirezioneLavori darà delle indicazioni precise circa la scelta degli architravi sulla base dei carichi, che potranno essere in ferro ( HEA) oppure prefabbricati, con l’anima esterna in laterizio e armati internamente con ferri.

Ammettiamo che in questo caso siano stati scelti gli architravi prefabbicati in laterizio, che possono essere aquistati presso tutti i magazzini edili.

Normalmente la misura dell’architrave è uguale alla luce della porta o della finestra sottostante più la presa nei muri laterali calcolata fra i 20 ed i 25 cm per lato.
Quindi per una porta mdi luce 90 cm , ci vorranno due architravi lunghi mt. 1,30 – 1,40.

Discorso diverso è per le finestre, perchè bisogna tenere conto delle mazzette eseguite in costruzione, e contro le quali dovrà poi essere appoggiato e fermato l’infisso in legno, ed allora, mentre l‘architrave esterna sarà pari alla luce del vano finestra esterno + 40/50 cm, per l’architrave interna la sua misura sarà maggiore (a causa del rientro in corrispondenza delle "mazzette" normalmente di 12 cm per parte), ma comunque sarà sempre pari alla luce del vano finestra interno, più i 40/50 cm per le prese nei muri.

   CLICCARE SULL’IMMAGINE

Dal ponte proseguiamo a murare i blocchi di laterizio con la malta bastarda.

All’altezza delle porte interne muriamo i due architravi affiancati, per la porta e le finestre esterne muriamo prima l’architrave esterno im modo che l’altezza dal suo intradosso al piano solaio sia di pochi cm in più di mt 2,40 (questi cm in più compenseranno i cm che toglieremo per la successiva posa in opera dei pavimenti)

Muriamo gli architravi e poi proseguiamo a murare i blocchi in laterizio fino ad una altezza dal solaio pari a mt. 2,70 più quei famosi cm del pavimento.

Se ci accorgiamo che con l’ultimo blocco supereremmo questa misura, ci fermiamo al blocco precedente e poi muriamo una o due file di mattono pieni.

Quindi, a mt 2,75 dal solaio noi effettuiamo la chiusura della muratura portante.
Non necessita effettuare alcun spianamento con malta, se non necessario per raggiungere l’altezza, ma completiamo con il blocco o mattone al rustico.

Avremo adesso tutti i muri portamti, perimetrali e di spina completati.

Il rustico della casa sta prendendo forma e la prossima operazione sarà l’armatura dei cordoli e del  secondo solaio.

Segue ./. VAI ALL’ART N° 11

Continuate a seguirci, di seguito i prossimi interessantissimi articoli

 

di Amedeu

11 commenti

  1. salve. sto per realizzare una villettta di circa 140mq compreso le verande su un unico livello e tetto in legno lamellare abete in zona climatica C. vorrei fare il doppio muro, mattone da 20cm pannello poliestere da 6 e forato da 8cm, cosa ne pensate? qualcuno mi dice che il porotn ts p700 è ottimo forse meglio, avete qualche buona idea? la guaina x il tetto altamente sconsigliata, che dite? grazie

  2. Per Luigi.
    Stai trattando di una villetta realizzata con struttura in cemento armato. Vero?
    Altrimenti se è una costruzione in muratura puoi partire con un blocco in laterizio comune o similari da 30 cm, poi fare la coibentazione (tipo cappotto) esterna, oppure interna con pannello termico intercluso fra il blocco ed il forato (che non è portante) ma con molta perdita di superficie utile..Con il Poroton puoi raggiungere una coibentazione termica più che ottimale.
    Amedeu e c.

  3. Non riesco a capire il seguente paragrafo del vostro articolo.
    è possibile avere ulteriore spiegazione su misura architrave interno?

    “”””” ed allora, mentre l‘architrave esterna sarà pari alla luce della finestra + 40/50 cm, per l’architrave interna sarà di misura pari alla luce delle finestre, più le due mazzette, più i 40/50 cm di presa nel muro.
    Nel nostro caso abbiamo realizzato le mazzette sporgenti 12 cm, per cui i nostri architravi interni saranno uguali alla luce della finestra + 24 cm + 40/50 m. “”””

    Ringrazio tutto il team

  4. Per Andrea.
    Effettivamente non siamo riusciti a trovare, nel sito, un disegno esplicativo che ti chiarisse tali misure (Provvederemo quanto prima)
    Comunque vai a questo articolo:
    http://www.coffeenews.it/costruzione-di-muri-portanti-in-blocchi-di-laterizio-termo-sismici
    Nel disegno che rappresenta, in pianta, la finestra, noterai che l’interno del vano finestra è più largo dell’esterno, in quanto ci sono le “mazzette” di muratura, contro le quali deve essere appoggiato e fissato l’infisso in legno.
    Basta che tu guardi come sono fatte le finestre di casa tua.
    (Tale rientro lo ritrovi anche sull’architrave in alto).
    Da quanto sopra deriva la diversa lunghezza dei due architravi da mettere in opera.
    Amedeu e c.

  5. Grazie per la risposta
    ma dovendo tamponare con forati da 25x25x30 come faccio a realizzare le mazzette per le finestre?
    E se non realizzo le mazzette come saranno fissate le finestre?
    Ringrazio in anticipo.
    Saluti

  6. Per Andrea.
    Le devi realizzare in mattoni doppi uni o mattoni pieni. Vedi il disegno schematico (pianta) che ti abbiamo aggiunto nell’articolo dal quale ti rispondiamo.
    Abbiamo anche semplificato la spiegazione soprastante il disegno.
    Amedeu e c.

  7. buonasera.ho un dubbio sul carico al mq del mio solaio.l’abitazione ha 50 anni e recentemente ristrutturata ma i solai sono quelli originali ovvero fatti con le “pignatte”.vorrei posizionare un caminetto del peso di 500 kg con dimensioni 140cm x 80cm in un angolo della stanza tra il muro portante centrale e il muro portante perimetrale.in attesa di una vostra risposta porgo cordiali saluti e vi ringrazio.

  8. Per Christian.
    Evitiamo sempre di dare consigli strutturali, specie a distanza e senza vedere le strutture stesse, in quanto gli interventi devono essere considerati sul posto e calcolati da un tecnico professionista abilitato.
    Non dovresti avere grossi problemi nel costruire il caminetto di angolo, specie se la soletta portante viene ancorata ai due muri portanti in angolo.
    Comunque devi rivolgerti da un tecnico professionista di cui sopra, che fra l’altro, visto lo stato delle strutture verticali ed orizzontali della casa, deve programmarti l’intervento e prendersi la responsabilità del lavoro da effettuare.
    Amedeu e c.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.