Fai da te: come montare una porta interna.

Durante la costruzione di una parete interna, abbiamo lasciato il vuoto per una porta della larghezza di cm 90 finita.

In effettti, murando i forati della parete, abbiamo lasciato un vuoto leggermente superiore sia in larghezza che in altezza. La porta finita deve essere  di cm 90 x 210, e noi abbiamo lasciato il vuoto di cm 100 x 215.

Questa maggiorazione è dovuta al fatto che per montare la porta, il falegname, ha bisogno che venga murato da parte del muratore il controtelaio o "fiammifero" interno, al quale il falegname avviterà il telaio della porta che ha costruito.

Il fiammifero, fornito dallo stesso falegname (ma può essere facilmente costruito da noi) è costituito da tre tavole di sfasciatura da cm 2,5 di spessore e nel caso di una parete in forati da cm 8, la larghezza delle tavole sarà di cm 12, (cioè cm 8+2+2 di arriccio/intonaco).

CLICCARE SULL’IMMAGINE

Quindi, quando la parete di forati è ancora al grezzo, dobbiamo posizionare il controtelaio o fiammifero al suo interno, eventualmente spaccare quei forati marginali che impediscono alle zanche o grappe, del controtelaio, di trovare un giusto alloggiamento per essere poi murate.

Con la livella a bolla mettiamo in piombo il controtelaio stando attenti che sporga di quantità uguali dalle due superfici della parete, dove verrà di seguito fatto l’arriccio.

Zeppiamo con dei cunei in legno il controtelaio fermandolo bene alla parete.

Poi con della malta bastarda (Sconsiglio l’uso di cemebto a pronta presa) muriamo bene le zanche e riprendiamo tutto il contorno del fiammifero.

Avremo agevolato il falegname nel suo lavoro, ma avremo anche risparmiato non pochi soldi come opere murarie.

Continuate a seguirci, di seguito i prossimi interessantissimi articoli

di Amedeu

3 commenti

  1. ciao ,
    devo montare i controtelai per delle porte standard (80×210) che ho già comprato.
    La situazione è tutta al grezzo: i pavimenti sono ancora da piastrellare e gli intonaci , oramai prossimi, sono ancora tutti da fare.
    Pensavo di mettere i controtelai e poi di piastrellare ma i controtelai che possiedo hanno una luce di 215 dimensionata alla porta dove non viene considerato lo spessore di colla e piastrella.

    Come si procede in questi casi? si fissa il controtelaio 1,5 cm più in alto del massetto magari con un tacchetto? oppure è sbagliato annegare il controtelaio nelle piastrellatura?

    un’altra cosa che non capisco è che le porte acquistate hanno una luce di mezzo centimetro in basso tra telaio e inizio porta..
    cioè: il telaio misura in altezza 214 e la porta 213,5…
    è normale oppure il telaio deve essere levigato di qualche millimetro?

    Grazie!!

  2. Per Enzo.
    Devi considerare che in alto, fra il fiammifero e la porta, normalmente viene lasciato lo spazio di circa 1,5/2,5 cm, che serve a “zeppare” la porta per metterla in opera. Tale vuoto viene ricoperto poi dal coprifilo.
    Ti rimane l’altezza interna di cm 213.circa
    Per il pavimento può andare bene l’altezza di cm 1,5 se le piastrelle sono dello spesse cm 1/ 1,1.
    Ti rimane poi l’altezza interna di cm 211,5.
    Puoi sbassare di poco più di 1 cm il fiammifero.
    Devi però, controllare prima, (accuratamente), tutti i piani del pavimento in corrispondenza delle porte.
    Il mezzo centimetro di aria fra la porta e l’imbotte serve per aprirla bene (anche se normalmente viene lasciata di qualche mm in meno)
    Amedeu e c.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


9 + 7 =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>