La parentela nel diritto di successione. Linee e gradi

La "parentela" diventa molto importante in varie fasi della vita, specie nei casi di successione in caso di morte, eredità, impedimento al matrimonio, obbligo degli alimenti

E’ importante quindi parlarne per aiutare il lettore a chiarire i suoi vari aspetti.

E’ una materia molto ostrica e non facile da calcolarsi: si spera che quanto sotto riportato aiuti in questo compito chi ne ha bisogno.

La parentela è il vincolo che unisce due persone discendenti dal medesimo capostipite (i figli di due medesimi genitori, i cugini, i discendenti dagli stessi nonni); comprende sia la stirpe paterna che materna.

La parentela è regolata dagli articoli 75/78 del codice civile.

CLICCARE SULL’IMMAGINE

Nell’albero genealogico sopra riprodotto (relativamente alla stirpe paterna) A,B,D.I, sono parenti in "linea retta" (perchè discendono l’uno dall’altro) e sono tali anche A,B,E; oppure A,C,F,L.

Sono invece parenti in "linea collaterale" E ed F, oppure  D e G, ecc. (perchè pur avendo A come capo stipite comune, non discendono l’uno dall’altro).

In merito al "grado" di parentela, nell’ambito di ciascuna linea, A e B sono parenti in linea retta di 1° grado (padre e figlio); A e D sono di 2° grado (nonno e nipote); D ed F sono invece parenti in linea collaterale di 4° grado (perchè  salendo da D ad A, e discendendo poi ad F, vi sono 4 generazioni)

B è discendente di AD, B, A sono ascendenti di IM è discendente di F, di C e di A.

Parenti in "linea retta " sono coloro che discendono dal medesimo capostipite ma non l’uno dall’altro (fratelli fra loro; zii, nipoti).

I "gradi" di parentela (art 76 del c.c.) si contano dal numero delle generazioni, salendo da uno dei parenti sino al capostipite e da questo discendendo all’altro parente.

Esempio: il figlio è parente di 1° grado rispetto ai genitori e di grado rispetto ai nonni; i fratelli sono parenti di 2° grado; zio e nipote di 3° grado; i figli di fratelli sono parenti di 4° grado.

La legge (art 77 del c.c.) riconosce i vincoli di parentela solo fino al 6° grado, salvo che per alcuni effetti speciali determinati.

Dal vincolo di parentela nascono, come effetti giuridici, i diritti di successione a causa di morte, l’impedimento al matrimonio, l’obbligo degli alimenti.

La "parentela" può essere legittima quando riguarda coloro che discendono da persone unite in matrimonio; naturale quando le persone sono unite da vincoli di sangue contratti fuori del matrimonio.

Fate dei commenti e chiedete spiegazioni sulla vostra casa ed accessori, vi risponderemo

SEGUITE ANCORA I NOSTRI ARTICOLI SULLA MURATURA MESSA IN PRATICA IN EDILIZIA

di Amedeu

2 commenti

  1. salve,sono un proprietario di un appartamento al piano terra,sito sito in piccolo stabile di due piani,con un totale di tre appartamenti con giardino intorno.Se un proprietario affittasse il suo appartamento,avrebbe ancora diritto all’uso delle parti comuni? (giardino, ecc.cc.)e io del piano terra ho qualche diritto in piu’? grazie

    • Per Gianni.
      Se un proprietario affitta l’intera sua proprietà, l’inquilino subentrante ne acquisisce tutti i diritti di godimento, parti comuni comprese.
      Amedeu e c.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.