Facile realizzazione di archi in aperture rettangolari in pareti esistenti

Un tema che farà piacere a chi legge è quello rappresentato dalla facile realizzazione di archi in aperture rettangolari in pareti esistenti, adoperando armatura per intonaco o pannelli di cartongesso.

La demolizione della parete divisoria (per creare un solo locale dal soggiorno e dalla sala da pranzo, (per esempio) lascia un vuoto rettangolare, formato dalla trave in acciaio e dai pilastri in muratura; se riteniamo che tale vuoto non sia in armonia con il concetto di abitazione vivibile che intendiamo e con la decorazione e l’arredamento da noi preferiti, l’unica soluzione è la realizzazione di una morbida curva di un arco.

Quando diciamo “arco” vogliamo intendere con esso una gamma dei tipi di archi, sia più comuni singoli oppure complessi:

Scelta del profilo dell’arco

Sarebbe consigliabile programmare l’esecuzione dell’arco prima di realizzare l’apertura; quando ciò non è possibile occorre effettualo come da link seguente: https://www.coffeenews.it/costruzione-di-un-arco-a-sesto-ribassato-in-parete-interna-esistente/

Oppure si possono adeguare le curvature desiderate all’apertura realizzata e già architravata a dovere, seguendo con attenzione le indicazioni sotto riportate.

Per prima cosa si deve scegliere il profilo dell’arco che può essere semplice oppure complesso, cioè formato da più archi, tipo le due immagini sotto riportate

In ogni caso va tenuto sempre presente che una o più curve riducono effettivamente l’altezza utile ai lati, che possono essere inutilizzabili e sproporzionati rispetto al locale.

Da tenere inoltre presente che gli archi d’angolo devono arrotondare semplicemente gli angoli senza ridurne l’altezza utile; quelli a tutto sesto, (per esempio) hanno un profilo continuo ma sottraggono spazio ai lati; quelli appuntiti (Diciamo orientaleggianti per chi volesse sceglierli) sono molto personalistici però non riducono l’altezza al centro dell’apertura.

In ogni caso, chi vuole trasformare un’apertura rettangolare in una ad arco sappia che tale realizzazione può venire effettuata in Intonaco o in Cartongesso.

1) Realizzazione con l’intonaco

L’arco può essere formato da linee continue o da più curve e cuspidi.

Da pannelli multistrato di 1-2 cm si tagliano le centine seguendo il profilo dell’arco, ma tenendole più piccole di 1-2 cm.

Si inchiodano o si avvitano ai pilastri e ai listelli fissati alla trave, poi tra le centine si inchiodano i distanziatori, ricavati da listelli di legno tenero.

Si taglia e si fissa la rete metallica per intonaci sulle facce e sul bordo, sagomandola attorno alle curve (1); se necessario bisogna tagliare la rete con le cesoie da lattoniere.

Si realizzano poi le guide per l’intonaco in pannelli di compensato o di fibra, tagliandole nelle dimensioni finite dell’arco; si inchiodano i pannelli temporaneamente con la faccia liscia all’interno, ricordando però di spessorarli da dietro.

Gli spessori devono essere uguali a quelli dell’intonaco; i bordi delle guide devono sporgere dall’intradosso dell’arco di 1-2 cm.

Dopo di che si stende l’intonaco sull’intradosso dell’arco tra i bordi sporgenti e quando questo ha fatto presa, si rimuovono le guide e si intonacano le facce, usando il bordo dell’intonaco della parete come livello di riferimento.

Infine si applica lo strato di finitura

2) Realizzazione con il cartongesso

Si possono realizzare gli archi di qualsiasi forma usando anche il cartongesso .

Si taglia il pannello secondo il profilo voluto, quindi lo si inchioda sulle centine (2).

Per l’intradosso si taglia una striscia di pannello e la si inchioda alle centine poi si fissa con la faccia quadrettata verso l’esterno; si rinforzano i giunti con l’apposito nastro.

Si applica infine uno strato sottile di gesso per finitura; in alternativa si inchioda una striscia di rete metallica per intonaco sull’intradosso; si applica lo strato di sottofondo, quindi quello di finitura.

di Amedeu

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.