Detrazione del 55% per gli interventi di risparmio energetico. Un finale 2008 in crescita

Circa la detrazione del 55%, c’e stato il timore di perdere il bonus fiscale per gli interventi di risparmio energetico.

Le domande arrivate all’Enea, l’ente che riceve la documentazione sono state 30mila solo nell’ultima settimana del 2008, portando il totale a ben 185mila richieste. Prima del decreto anti-crisi si prevedeva di raggiungere le  130mila domande per il 2008. Siamo arrivati a 185.000; ben il 40% in più

La formulazione ex novo dell’articolo 29 ha cancellato tutte le limitazioni importanti.
In definitiva il 55% rimane come era,anche se per le spese sostenute dal primo gennaio 2009 la detrazione andrà spalmata su cinque anni, anziché poter essere ripartita dalle tre alle dieci rate annuali a scelta del contribuente.

Diversi contribuenti, sotto il regime precedente, sceglievano la rateazione in tre anni per sfruttare al massimo la detrazione. Ma per gli interventi più onerosi, o per chi aveva i redditi molto bassi, poteva figurare più vantaggioso spalmare il bonus sulle dieci annualità. Ora  tutto questo non è più possibile.
 

Come interpretare allora l’enorme quantità di domande?  I contribuenti hanno evidentemente scelto strade diverse.

Alcuni hanno anticipato la fine dei lavori per  effettuare il bonifico di pagamento entro il 31 dicembre. In definitiva bisogna ammettere che quando i consumatori hanno compreso che il Governo avrebbe concesso lo sconto fiscale almeno per il 2008, si sono affrettati  ad ultimare gli impianti entro fine anno.

Altri, hanno inviato comunque la documentazione all’Enea anche se in mora della fine lavori.

Ed altri ancora hanno preferito aspettare che la situazione si facesse più chiara.

Le imprese interessate al bonus energetico hanno rilevato che il rallentamento avvenuto tra novembre e dicembre 2008  ha causato un calo del 10-15% dell’attività produttiva relativa a quell’anno e rispetto a quanto invece era previsto.

Adesso c’è uno stallo in attesa, ma il 2008 ha chiuso con una crescita del 30 per cento.

Continuate a seguirci, di seguito i prossimi interessantissimi articoli

di Amedeu

2 commenti

  1. Paolo Angrisano

    Per la riqualificazione energetica e detrazioni del 55% (sostituzione di finestre) quale deve essere l’IVA in fattura? Mi date un documento di riferimento?
    Grazie
    Paolo Angrisano

  2. Ciao paolo, ho letto il tuo commento, non so se possa aiutarti, ma ti consiglio di consultare il sito dell’agenzia dell’entrate (www.agenziaentrate.it) anche se credo che l’attuale governo abbia tolto le detrazioni per il miglioramento energetico degli edifici.
    ciao!

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.